Prevedere i terremoti

29 gennaio 2010

Crepa causata dal terremotoIn occasione del catastrofico terremoto de L’Aquila abbiamo imparato a conoscere un personaggio, Giampaolo Giuliani, un tecnico di laboratorio che sostiene di essere in grado di prevedere con precisione i terremoti.

D’altra parte la geologia è praticamente unanime nel ritenere, al momento, impossibile prevedere in modo preciso i sismi: possono essere individuate zone a rischio e pericoli potenziali ma non la data, il luogo esatto e l’intensità di un sisma.

Inevitabilmente sono seguite delle polemiche con accuse alla scienza di ostracismo, alla Protezione Civile di non avere ascoltato, denunce per procurato allarme a Giuliani, ecc.

Non mi interessa entrare nei dettagli della teoria (o presunta tale) di Giuliani, ma solo analizzare brevemente due sue interviste…

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Crackpot index Test di autovalutazione per crackpot

23 gennaio 2010

Scienziato pazzoCrackpot (o anche crank) è un termine usato ironicamente per indicare una persona che crede in modo inamovibile in qualcosa che la stragrande maggioranza dei suoi contemporanei considera falsa.

Caratteristica tipica di un crackpot è il respingere qualunque evidenza od argomento che contraddica la sua “convinzione non convenzionale” rendendo spesso inutile qualunque tentativo di discussione razionale.

Ho trovato on-line questo ironico giochino di John Baez, dedicato ai crackpot, e mi sembrava giusto tradurlo e integrarlo (col suo permesso).

Ecco un semplice metodo per valutare contributi potenzialmente rivoluzionari per la fisica…

Leggi il seguito di questo post »


Apophis, la fine del mondo nel 2036?

2 gennaio 2010
Rappresentazione artistica di un asteroide in rotta di collisione con la terra

Rappresentazione artistica di un asteroide in rotta di collisione con la terra

Ovvero cosa non si dice per farsi un po’ di pubblicità…

E’ di questi giorni la notizia che l’ente spaziale russo Roskosmos (per bocca del suo direttore Anatoly N. Perminov) sarebbe molto preoccupato per l’asteroide Apophis (il cui nome viene dal dio egizio della distruzione), un gigantesco sasso cosmico di 300 metri di diametro la cui orbita interseca quella del nostro pianeta e per il quale è previsto un passaggio davvero molto ravvicinato nel 2036.

L’asteroide Apophis aveva già avuto una discreta copertura mediatica alcuni anni fa, quando fu scoperto nel 2004. Dai primi dati risultava una probabilità di impatto del 2,6% per il 2029, una percentuale altissima in termini astronomici.

Il tema dell’impatto devastante da parte di un asteroide era già stato trattato in diversi film holliwoodiani: nel film Meteor del 1979 e nei più recenti Deep Impact e Armageddon, entrambi del 1998, di qualche credibilità il primo e assolutamente ridicolo il secondo, ma comunque dal grande successo di pubblico.

La NASA dunque prestò la giusta attenzione alla faccenda anche dal punto di vista della comunicazione e le successive osservazioni ridussero drasticamente le probabilità di impatto fino a portarle a zero per il 2029.

Ma per il passaggio successivo, nel 2036, cosa si prevede?

Leggi il seguito di questo post »