LRO fotografa nuovamente il sito di atterraggio di Apollo 14


Siti di atterraggio delle missioni Apollo ripresi da LRO

Siti delle missioni Apollo ripresi da LRO

A sommo scorno di chi sostiene che “sulla Luna non ci siamo mai andati“, la sonda automatica Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) continua a sfornare immagini memorabili dei siti di atterraggio delle missioni Apollo.

La sonda, in orbita polare intorno alla Luna dal 2009, sta mappando ad altissima risoluzione la superficie del nostro satellite. Le immagini, che sono davvero spettacolari, ogni tanto riguardano luoghi di importanza storica.

Il 31 gennaio 1971 da Cape Canaveral fu lanciata la missione Apollo 14, diretta verso la Luna. Il modulo lunare Antares, con a bordo Alan Shepard ed Edgar Mitchell, si posò nei pressi del cratere Fra Mauro il 5 febbraio 1971, esattamente 40 anni fa. La zona è stata ripresa lo scorso 25 gennaio da LRO.

Delle immagini di questo sito di atterraggio erano già state riprese nel luglio 2009, ma questa volta la resa è sorprendente, anche grazie all’incidenza favorevole della luce solare, che garantisce un ottimo contrasto:

Sito di atterraggio dell'Apollo 14

Sito di atterraggio dell'Apollo 14

È ben visibile sulla destra lo stadio di atterraggio del LEM, che fu lasciato sulla Luna e usato come rampa di lancio per il decollo. Il campo è attraversato dalle tracce lasciate dagli astronauti. Il puntino bianco indicato dalla freccia l’Apollo Lunar Surface Experiments Package (ALSEP).

L’immagine che segue mostra un campo più ampio:

Qui si vedono i sentieri tracciati dagli astronauti per la “passeggiata” verso il cratere Cone (300 metri di diametro e 40 metri di profondità, fuori campo nella foto) e per il ritorno.


Approfondimenti:

Annunci

7 Responses to LRO fotografa nuovamente il sito di atterraggio di Apollo 14

  1. francesco ha detto:

    photoshop CIA

    Mi piace

  2. Gabriele ha detto:

    Ma anche no. Quod gratis adfirmatur, gratis negatur.

    Mi piace

  3. Ghigo ha detto:

    complottista o no, la diffusione di queste immagini da parte della Nasa è come dire: “l’ oste pubblica il filmato di come produce il suo vino”.
    Non aggiunge nulla di credibile al dibattito.
    Se fosse stata l’ ESA a divulgarle, sarebbe già stato diverso.

    Mi piace

  4. Gabriele ha detto:

    Secondo me qualcosa di credibile sarebbe l’ora che lo dicessero i complottisti, visto che finora non l’hanno mai fatto.

    Dovrebbero – per esempio – spiegare come sia possibile che i filmati (che loro dicono essere falsi) del 1969 corrispondano nel dettaglio alle immagine del LRO e a quelle della sonda giapponese Kaguya.

    Dovrebbero spiegare come 8 e passa minuti di filmato ininterrotto della risalita del lem della missione Apollo 15 (vedi La triste fine dei lunacomplottisti parte 3) prodotto con le tecniche di animazione del 1969 (niente computer grafica) possano riprodurre esattamente il paesaggio lunare ripreso in questi anni da missioni sia americane che giapponesi e indiane. Dovrebbero spiegare quanto grande doveva essere lo studio che conteneva il “modellino” del paesaggio, e quale missione automatica antecedente l’apollo avesse potuto mappare la superficie lunare con quella precisione.

    Per inciso, oltre a essere pubbliche le immagini del LRO, queste vengono ricevute da antenne sparse in tutto il mondo…

    Mi piace

  5. Cbm Cybermotors ha detto:

    Qualche giorno fa mi sono divertito a confrontare le immagini del (LRO) con dei fotogrammi che ho estrappolato dai video originali delle missioni Apollo 14,15,16 e 17.
    Innanzitutto stupisce l’ estrema precisione dei particolari sulla superficie lunare ripresi al momento del decollo dei Lem, pur trattandosi di filmati girati in 16 mm !
    Il confronto che ho effettuato si basa sulla sovrapposizione delle foto, in poche parole…all’ immagine del sito di atterraggio dell’ apollo ripreso dalla sonda LRO ho sommato , in trasparenza, il fotogramma del video della missione.
    Non nascondo una certa eccitazione nel rendermi conto che, non solo la conformazione della superficie è perfettamente corrispondente in entrambe le immagini, ma ( a dispetto dei nostri amici complottisti ), senza averlo previsto, il mio programma di photoshop ha creato delle spettacolari immagini in 3D in cui si percepisce chiaramente ogni più piccolo rilievo della superficie lunare perfino le impronte lasciate dai simpatici omini in tuta spaziale!
    A questo punto mi viene doveroso fare una considerazione sulla spesso & volentieri mastodontica ignoranza dei complottisti… esistono centinaia di ore di registrazioni video e audio ,su pellicola e su bobine magnetiche, 400 kg di roccia lunare divisa e sparsa in tutti i laboratori del mondo, migliaia di fotografie ( e non parlo solamente di quelle venute bene, più della metà delle foto fatte dagli astronauti erano mosse, fuori fuoco, sovraesposte ecc..).
    Per quale motivo gli Stati Uniti avrebbero dovuto coinvolgere 400.000 persone per realizzare un mega tarocco, quando sarebbero bastati una decina di macchinisti e un set cinematografico?… in fine, che senso avrebbe avuto costruire dei razzi alti 111 metri e pesanti 3000 tonnellate, con un potenziale distruttivo pari a 8/10 di una bomba atomica… per fare solo fuochi d’ artificio ????
    Penso che alcuni complottisti innanzitutto, dovrebbero cercare di studiare e comprendere cos’ è la fisica generale e la matematica prima di avventurarsi in considerazioni del tutto fuori luogo su argomenti che probabilmente nemmeno conoscono.
    Sostengono le teorie più assurde che spesso hanno lo stesso valore di un racconto di fantasmi o presunti miracoli…
    Ma chi crede alla scienza non ha molto tempo da perdere…sopratutto è molto più razionale e credibile di questi buffoni…

    Mi piace

    • Gabriele ha detto:

      Non posso che essere d’accordo al 100% le tue considerazioni.
      Aggiungo solo che le stesse sovrapposizioni di foto che hai fatto tu le trovi nei link di approfondimento in fondo all’articolo!

      Mi piace

  6. […] LRO fotografa nuovamente il sito di atterraggio dell’Apollo 14. […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: