Il senso delle cose

20 agosto 2012
Richard P. Feynman

Richard P. Feynman (1918-1988), premio Nobel per la fisica nel 1965

Mi sono letto “Il senso delle cose” di Richard P. Feynman, il grande scienziato (premio Nobel per la fisica nel 1965 per i suoi studi sull’elettrodinamica quantistica) morto nel 1988. È un libretto di poco più di 100 pagine, pubblicato da Adelphi (collana “Biblioteca Scientifica” n. 27). È tratto da tre conferenze tenute da Feynman nel 1963 e parla della scienza e del rapporto di questa con le altre discipline ed è assolutamente illuminante su come debba funzionare una mente razionale.

Parte dall’apologia del dubbio, smonta il principio di autorità e rivendica il primato del metodo scientifico come l’unico strumento valido inventato finora dall’uomo per accumulare esperienza e orientarsi nel buio.

La scienza è certa solo di non aver certezze:

«Ciò che oggi chiamiamo “conoscenze scientifiche” è un corpo di affermazioni a diversi livelli di certezza. Alcune sono estremamente incerte, altre quasi sicure, nessuna certa del tutto. Noi scienziati ci siamo abituati, sappiamo che è possibile vivere senza sapere le risposte. Mi sento dire: “Come fai a vivere senza sapere?”. Non capisco cosa intendano. Io vivo sempre senza risposte. È facile. Quello che voglio sapere è come si arriva alla conoscenza.»

Leggi il seguito di questo post »


Esiste un Dio artificiale?

14 agosto 2012
Douglas Adams

Douglas Noël Adams (1952-2001)

Mi son letto “Il Salmone del Dubbio”, una raccolta postuma di bozze, scritti, articoli e discorsi di Douglas Adams (l’autore della famosissima trilogia in cinque volumi della Guida Galattica per Autostoppisti). A parte il rimpianto, anzi no, la rabbia di non aver più una mente geniale come la sua a illuminare la vita, l’universo e tutto quanto, mi è rimasto impresso uno suo intervento tenuto al convegno “Digital Biota 2” a Cambdridge nel settembre 1998 (qui l’originale in inglese: http://www.biota.org/people/douglasadams/) , per cui ve lo propongo, anche se è molto lungo…

Leggi il seguito di questo post »