Giganti… sciocchezze


Anche nella fuffa esistono gli evergreen. Una delle fesserie più grosse che ogni tanto ritornano in auge sono i giganti, i cui più grandi sostenitori sono i creazionisti americani. I fufffari d’accatto delle nostre parti si limitano a scimmiottarli (qualsiasi cosa, anche la cretinata più ridicola, pur di dare addosso agli odiatissimi “scettici”).

Su questo argomento ho già scritto, tanto tempo fa, La fisica dei giganti e dei nani (una traduzione adattata di un articolo americano), ma è davvero molto lungo. In questo articolo mi limiterò all’essenziale.

giant_1

Immagine da un concorso di ritocco fotografico del sito http://www.worth1000.com

Chiariamo subito cosa si intende qui per “giganti”: non sono persone molto alte, come i giocatori di basket, o i malati di gigantismo. Non sono nemmeno esseri viventi spaventosamente grandi come i dinosauri. Per giganti intendo i presunti omoni alti diversi metri ma con le stesse proporzioni di un essere umano, le cui gesta sono narrate in miti, leggende e testi religiosi e i cui scheletri, secondo i siti di archeologia misteriosa, sarebbero stati trovati in giro per il mondo; tipo la foto qui a fianco (tratta da un celebre concorso di photoshop ma spacciata spesso per vera), per intenderci.

Non rincorrerò le decine di casi inesistenti, per lo più attrazioni da fiera di paese del XIX secolo o degli inizi di quello scorso. A testimoniare sulla questione chiamo due famosi scienziati…

kaku

Michio Kaku

Il primo è Michio Kaku, fisico, star televisiva della divulgazione scientifica USA. Ho scelto lui perché è tra i più citati dai fuffari; un po’ per colpa sua, visto che furbescamente, da autentico show man qual è, tende all’ipersemplificazione e alla spettacolarizzazione; un po’ perché, i cazzari che lo citano, sono sempre attentissimi ad estrapolare le sue frasi ad effetto dal loro contesto; un po’ perché c’è chi, per aver letto queste frasi – a volte nemmeno per intero -, lo ritiene un paladino della “vera scienza” che combatte contro l’ortodossia corrotta che vuol celare scomode verità. Ecco dunque cosa dice Michio Kaku sui giganti nel suo libro La Fisica del Futuro:

Se King Kong esistesse veramente non potrebbe terrorizzare New York; le sue gambe si spezzerebbero invece al primo passo.
Se prendiamo una scimmia e aumentiamo le sue dimensioni di dieci volte allora il suo peso aumenterà col volume e cioè di 10×10×10=1000 volte. Sarà quindi 1000 volte più pesante. La sua forza però aumenterà con lo spessore delle sue ossa e dei suoi muscoli, la cui sezione trasversale aumenta solo col quadrato della distanza ossia 10×10=100 volte. In altre parole se King Kong fosse 10 volte più grande di un gorilla sarebbe 100 volte più forte ma anche 1000 volte più pesante. Il peso della scimmia crescerebbe cioè molto più rapidamente della sua forza all’aumentare delle dimensioni. Sarebbe, relativamente parlando, dieci volte più debole di una scimmia normale ed è per questo che le sue gambe si spezzerebbero.
Alle elementari ricordo il maestro che magnificava la forza della formica che può trasportare diverse volte il suo peso. Il mio insegnante concludeva che se una formica fosse delle dimensioni di una casa allora potrebbe sollevare quella casa. Ma la sua assunzione era sbagliata per la stessa questione che abbiamo visto per King Kong. Se una formica fosse delle dimensioni di una casa anche le sue zampe si romperebbero. Se aumentiamo le dimensioni di una formica di un fattore 1000, allora sarebbe 1000 volte più debole di una formica normale e collasserebbe sotto il suo stesso peso. Inoltre soffocherebbe. Le formiche respirano attraverso dei forellini ai lati del corpo. L’area di queste aperture aumenterebbe col quadrato del raggio ma il volume della formica aumenterebbe col suo cubo. Dunque una formica 1000 volte più grande di una normale avrebbe 1000 volte meno aria di quella necessaria a fornire ossigeno a muscoli e tessuti.
Questo è anche il motivo per cui i pattinatori e i ginnasti artistici sono tendenzialmente più bassi della media, pur rimanendo proporzionati come tutti. Hanno una forza muscolare rapportata al peso maggiore di quelli alti. […]

Un piccolo aneddoto su questa citazione: durante una discussione l’ho riportata pari pari, fingendo che fosse roba mia, a un fuffaro d.o.c. (un tizio che ha patteggiato 20 mesi per truffa aggravata per aver chiesto soldi raccontando che a parlare tramite lui fosse un angelo). Costui dice(va) che Kaku è un “grande scienziato” (per i motivi di cui sopra) e di conoscere perfettamente i suoi libri (senza averne letto fino in fondo nemmeno il titolo). Mi ha risposto insultandomi e dicendomi che io sarei «in tutto e per tutto come un Testimone di Geova che cerca di “spiegare” la Bibbia». Da quando gli ho rivelato che l’autore è Kaku non lo cita più (anche perché è caduto tre volte nello stesso tranello). Quanto sono effimeri ’sti miti…

Il secondo testimone è lo scienziato italiano più famoso di sempre. È considerato il padre della scienza moderna, fu perseguitato dall’Inquisizione e non c’è fuffaro che non si sia paragonato a lui almeno una volta nella vita. Era il 1638 quando Galileo Galilei pubblicava i Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze, una pietra miliare nella storia della scienza. In quest’opera si parla anche di giganti:

Or vegghino come dalle cose sin qui dimostrate apertamente si raccoglie l’impossibilità del poter non solamente l’arte, ma la natura stessa, crescer le sue macchine a vastità immensa: sì che impossibil sarebbe fabbricar navilii, palazzi o templi vastissimi, li cui remi, antenne, travamenti, catene di ferro, ed in somma le altre lor parti, consistessero; come anco non potrebbe la natura far alberi di smisurata grandezza, poiché i rami loro, gravati dal proprio peso, finalmente si fiaccherebbero; e parimente sarebbe impossibile far strutture di ossa per uomini, cavalli o altri animali, che potessero sussistere e far proporzionatamente gli uffizii loro, mentre tali animali si dovesser agumentare ad altezze immense, se già non si togliesse materia molto più dura e resistente della consueta, o non si deformassero tali ossi, sproporzionatamente ingrossandogli, onde poi la figura ed aspetto dell’animale ne riuscisse mostruosamente grosso: il che forse fu avvertito dal mio accortissimo Poeta, mentre descrivendo un grandissimo gigante disse:

Non si può compatir quanto sia lungo,
Sì smisuratamente è tutto grosso.

galileo_ossaE per un breve esempio di questo che dico, disegnai già la figura di un osso allungato solamente tre volte, ed ingrossato con tal proporzione, che potesse nel suo animale grande far l’uffizio proporzionato a quel dell’osso minore nell’animal più piccolo, e le figure son queste: dove vedete sproporzionata figura che diviene quella dell’osso ingrandito.
Dal che è manifesto, che chi volesse mantener in un vastissimo gigante le proporzioni che hanno le membra in un uomo ordinario, bisognerebbe o trovar materia molto più dura e resistente, per formarne l’ossa, o vero ammettere che la robustezza sua fusse a proporzione assai più fiacca che ne gli uomini di statura mediocre; altrimente, crescendogli a smisurata altezza, si vedrebbono dal proprio peso opprimere e cadere. Dove che, all’incontro, si vede, nel diminuire i corpi non si diminuir con la medesima proporzione le forze, anzi ne i minimi crescer la gagliardia con proporzion maggiore: onde io credo che un piccolo cane porterebbe addosso due o tre cani eguali a sé, ma non penso già che un cavallo portasse né anco un solo cavallo, a se stesso eguale.

Guardate le parti che ho messo in corsivo nelle due citazioni: dicono sostanzialmente la stessa cosa. Galileo notò che le realizzazioni pratiche di macchine, rispetto ai loro modellini in scala, erano molto più fragili. Oggi delle prove di carico sul tessuto osseo sono state fatte: l’osso ha una buona resistenza a una compressione statica. Un animale potrebbe forse reggere dieci volte il suo peso, da fermo; ma, al primo movimento, l’osso si spaccherebbe. Per muscoli, tendini e ovviamente cartilagini la situazione sarebbe ancora peggiore.

hulk2

L’incredibile Hulk

Per i sostenitori dell’esistenza passata di giganti con proporzioni umane questo fatto è inconcepibile. Per loro sono credibili i racconti, anche senza alcuna prova alcuna; credono senza fare una piega che un pupazzo esposto a una fiera di paese dal circo Barnum fosse davvero un gigante; o che ossa fossili di chissà quale bestia fossero umane perché a dirlo è il piazzista che le ha trovate (e non un paleontologo). Ma l’evidenza fisica e fisiologica che un gigante di 6 metri non potrebbe avere le proporzioni di un essere umano perché altrimenti le sue gambe rischierebbero di spezzarsi al primo passo proprio non lo digeriscono.

Un gigante, se esistesse, dovrebbe avere le proporzioni dell’incredibile Hulk (e dovrebbe essere ancora più massiccio se fosse più alto) ma nei testi sacri, nelle leggende, nei miti e nei racconti popolari di un essere simile non si parla: sarà perché il copyright ce l’ha la Marvel?

3 risposte a Giganti… sciocchezze

  1. apheniti scrive:

    È sempre un interessante piacere leggere i tuoi articoli. 🙂
    Dei giganti sento “parlare” spesso in giro, come creature misteriose che i governi cattivi tengono nascoste. Mi chiedo come potrebbero, nel lontano caso in cui esistessero, a tenerli celati.. o.ò

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: