Planet Nine: no, non è Nibiru


planet9

Rap­pre­sen­ta­zio­ne ar­ti­sti­ca del nuo­vo ipo­te­ti­co pia­ne­ta. Sul­la de­stra di­stan­te più di 30 mi­liar­di di km, bril­la il So­le.

È di questi giorni un annuncio clamoroso del CalTech: nella parte più esterna del sistema solare, a oltre 30 miliardi di km dalla nostra stella, potrebbe orbitare il nono pianeta (titolo detenuto da Plutone prima del suo declassamento). Sarebbe una super-terra, un pianeta con una massa 10 volte superiore a quella del nostro, poco più piccolo di Urano e Nettuno.

Non è ancora stato visto ma la sua esistenza è considerata abbastanza probabile. Il suo nome temporaneo è molto banale: “Planet Nine” (pianeta nove) ma i siti di fuffa lo hanno già ribattezzato con un nome noto: Nibiru.

Dunque i fuffari avevano ragione? Nibiru esiste davvero?

Non diciamo cazzate…

Procediamo con ordine e iniziamo col dire che questa ipotesi non è ancora stata confermata. Ci sono seri indizi che questo pianeta esista ma non è ancora stato identificato.

Questi indizi si chiamano “perturbazioni”. I pianeti girano intorno al Sole a causa della sua enorme attrazione gravitazionale ma non si muovono sulle loro orbite come un treno sui binari. Sono soggetti anche all’attrazione degli altri pianeti e il loro cammino lungo l’orbita presenta delle piccole irregolarità ricorrenti. Fu grazie alle perturbazioni dell’orbita di Urano, che non si spiegavano con la sola azione di Giove e Saturno, che nel 1781 fu scoperto Nettuno.

p9chart

Il Sole è al centro. Il cerchietto giallo e quello bianco al suo interno rappresentano rispettivamente le orbite di Nettuno e Urano.

Dei ricercatori hanno analizzato le orbite di un gruppo di oggetti scoperti di recente nella cintura di Kuiper (oltre l’orbita di Nettuno). Questi oggetti non hanno le orbite quasi circolari e stabili tipiche dei pianeti interni. Le loro sono molto schiacciate e piuttosto inclinate rispetto al piano sul quale, più o meno, sono stese le orbite dei pianeti interni. I ricercatori si sono resi conto che in diversi casi gli assi di queste orbite sono orientati nella stessa direzione. È un fatto che ha poche probabilità di essere casuale e che sarebbe spiegabile con la presenza di un pianeta massiccio nella zona più esterna del sistema solare. È insomma il caso di Nettuno che si ripete: da queste anomalie gli scienziati sono riusciti a calcolare quale potrebbero essere le caratteristiche fisiche e orbitali principali di questo pianeta.

p9compare

Il nuovo pianeta potrebbe avere queste dimensioni

La sua orbita intorno al Sole verrebbe percorsa il 10000/20000 anni e sarebbe molto eccentrica (ossia schiacciata, come quelle nell’immagine più sopra) e piuttosto inclinata rispetto l’eclittica (che è il piano sul quale, più o meno, giacciono le orbite dei pianeti interni). Il perielio, ossia la distanza minima dal Sole, sarebbe di 200 Unità Astronomiche (30 miliardi di km); l’afelio – la distanza massima – di 1200 U.A. (180 miliardi di km). Non sanno ancora in che punto dell’orbita potrebbe trovarsi e nei prossimi anni i telescopi scruteranno il cielo alla ricerca di questo possibile nuovo membro del sistema solare.

È difficile capacitarsi di quanta roba siano 30 miliardi di chilometri, la distanza minima dal Sole che “Nove” raggiungerebbe. Basti pensare che il Voyager 1 (la famosa sonda che insieme alla gemella Voyager 2 esplorò tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 i pianeti giganti allora noti) è stata lanciata nel 1977 ed è ancora attiva, diretta verso lo spazio interstellare, alla velocità di 17 km al secondo (Roma-Milano in linea d’aria in 28 secondi). In questo momento si trova a poco più di 20 miliardi di km dal Sole.

Bene, direte voi, tutto molto interessante ma … allora perché questo pianeta non può essere Nibiru? I motivi sono vari e penso di averne approfonditi alcuni, avendone già parlato tante volte:

Qui mi limiterò quindi all’essenziale.

nibiru3_big

L’orbita di Nibiru secondo il suo inventore

Ni­biru non è un pia­ne­ta che si li­mi­ta a gi­ra­re nei buio e nel gelo si­de­ra­le, lon­ta­nis­si­mo dal So­le, come farebbe “Nove”. Sarebbe un pianeta altrettanto massiccio che però – se­con­do chi se l’è in­ven­ta­to – ar­ri­ve­reb­be al pe­ri­elio a pas­sa­re tra l’or­bi­ta di Gio­ve e quel­la di Mar­te ogni 3600 an­ni o giù di lì.

Se un si­­mi­­le pia­­ne­­ta esi­stes­­se le or­­bi­­te dei pia­­ne­­ti in­ter­­ni – per lo me­­no quel­­le di Net­­tu­­no, Ura­no, Sa­tur­no, Gio­ve (at­tra­ver­sa­te da quel­la di Ni­bi­ru) e Mar­te – ne ri­sen­ti­reb­bero, sareb­be­ro di­stur­ba­te e pre­sen­te­reb­be­ro del­le gran­di ano­ma­lie. Que­ste ano­ma­lie pe­rò non esis­to­no pro­prio, nem­meno pic­co­le. Non c’è nulla nelle orbite dei pianeti interni che non si spieghi con quello che già sappiamo e questo è incompatibile con un grosso pianeta che ogni 3600 anni irrompa nel sistema solare interno (cosa che – tra l’altro – devasterebbe queste orbite, altro che perturbazioni!).

cranio_criceto

Radiografia del cranio di un sostenitore di Nibiru

La presenza di perturbazioni ha permesso di trovare Urano e forse consentirà di localizzare questo nuovo pianeta; allo stesso modo, l’assenza totale di qualsiasi tipo di anomalia inspiegata nelle orbite dei pianeti interni esclude l’esistenza di un pianeta come Nibiru.

Non sappiamo a quale divinità del pantheon greco verrà dedicato questo nuovo pianeta, se davvero sarà scoperto. Chissà? Forse Ade (vedi anche: Ade e i pianeti perduti) il dio greco degli inferi.

Nibiru resterà invece, per sempre, solo il pianeta dei creduloni.

Advertisements

2 risposte a Planet Nine: no, non è Nibiru

  1. […] massa di sciocchezze, ma se siete curiosi potete trovare degli interessanti approfondimenti su questo sito, che si è occupato di smontare la storia di Nibiru nel modo rigoroso che prescrive la vera […]

    Mi piace

  2. […] massa di sciocchezze, ma se siete curiosi potete trovare degli interessanti approfondimenti su questo sito, che si è occupato di smontare la storia di Nibiru nel modo rigoroso che prescrive la vera […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: