L’ateismo sostituirà le religioni?

20 settembre 2010

Ateismo

Ho tradotto un nuovo articolo di Nigel Barber sul tema dell’ateismo contrapposto alla religione. Come il precedente (Perché gli atei hanno un quoziente intellettivo superiore?) è decisamente provocatorio ma interessante e lo lascio giudicare a chi vorrà leggerlo. L’originale è qui.

Perchè l’ateismo soppianterà la religione

Gli atei sono fortemente concentrati nei paesi economicamente più sviluppati, in particolare nelle socialdemocrazie europee. Nei paesi sottosviluppati non ci sono virtualmente atei. L’ateismo è dunque un fenomeno particolarmente moderno. Perché le condizioni di modernità favoriscono l’ateismo?

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Perché gli atei hanno un quoziente intellettivo superiore?

17 settembre 2010
Ricordati che devi morire!

«Ricordati che devi morire!» «Sì sì... mo' me lo segno proprio»

Ogni tanto sui forum, nei commenti dei blog o nei gruppi di discussione salta fuori il provocatore di turno che ripropone – in chiave razzista – studi sul quoziente intellettivo che dimostrerebbero che i neri sarebbero meno intelligenti dei bianchi.

Tutte le volte qualcuno reagisce violentemente e magari preso dalla foga di smentire affemazioni palesemente razziste e disgustose, attacca gli studi cui si fa riferimento invece che le conclusioni errate dei razzisti.

La stessa situazione è destinata a riproporsi dopo che alcuni studi hanno trovato che, in media, il quoziente intellettivo degli atei è più alto di quello delle persone religiose.

Ho trovato un interessante articolo di Nigel Barber su Psychology Today che cerca di spiegare pacatamente le ragioni ambientali, sociali, ed economiche di questo fatto di per sé molto provocatorio…

Leggi il seguito di questo post »


Pensiero magico

16 Mag 2010

Daniele Luttazzi, Decameron«Ratzinger vorrebbe limitare la ricerca scientifica… Ma sì, affidiamoci al pensiero magico! Perché non torniamo all’analisi delle interiora di pollo per divinare il futuro, già che ci siamo?

Chissà? Magari sbaglio io? Magari Ratzinger ha ragione?

E se la cura del cancro fosse qualcosa che non può essere scoperto dalla scienza medica? Se fosse … farsi lo sciampo con lo yogurt? Non potremmo mai saperlo se ci affidassimo solo alla scienza. E se magari la cura del cancro fosse … strofinarsi la fronte con un pesce? Con un tipo particolare di pesce – che so? – un’orata? Non potrebbe essere? Oppure se la cura del cancro fosse … tagliarsi i peli del naso, metterli in una bustina di carta, infilarla sotto il cuscino e dormirci sopra tutta la notte? Non potrebbe essere quella la cura per il cancro?

No, perché questo è pensiero magico.

Quello della chiesa è pensiero magico. Non a caso qualche mese fa nell’udienza del mercoledì al Vaticano Ratzinger ha esortato gli esorcisti a continuare il buon lavoro… Parole di incoraggiamento anche per i cacciatori di vampiri.

La gente va tutelata dai ciarlatani. »

(Daniele Luttazzi, “Decameron, ovvero politica, sesso, religione e morte“)


Approfondimenti:


8×1000: ora anche basta

2 Mag 2010

Semplicemente fantastico!

«Paradisi fiscali; risarcimenti alle vittime di pedofilia; campagne di disinformazione su bioetica, omosessualità e lotta all’AIDS; un quarto del patrimonio immobiliare italiano; esenzione dall’ICI; condizionamento della pubblica istruzione; ingerenze nella politica; sfruttamento dell’ignoranza e della superstizione; speculazione sul dolore e sulla paura della morte; aiuti alle peggiori dittature fasciste; camauri di ermellino estone; anelli d’oro a cassettate; scarpine di Prada; viaggi in giro per il mondo…

Con l’8 per 1000 alla Chiesa Cattolica avete fatto molto. Ora anche basta, eh?»

www.donzauker.it


Petizione per Agora, il film su Ipazia di Alessandria

18 ottobre 2009
Rachel Weisz nel ruolo di Ipazia

Rachel Weisz nel ruolo di Ipazia

Il regista ispano-cileno Alejandro Amenabar (che ha diretto film come “Apri gli occhi”, “Mare Dentro” e “The Others”) ha terminato da tempo di girare un film intitolato “Agorà” sulla vita di Ipazia, filosofa, matematica e astronoma, ultima erede della scuola platonica riportata in vita da Plotino presso Alessandria d’Egitto, città dove è vissuta nel IV secolo dC e dov’è stata barbaramente uccisa a causa del fondamentalismo religioso del suo tempo.

Il film, presentato fuori concorso a maggio al festival di Cannes, è in uscita in questi giorni nelle sale spagnole. Si tratta in effetti un atto di accusa contro tutti i fondamentalismi e in questo senso sta facendo discutere (si veda ad esempio “La Weisz fa paura al Vaticano” su La Stampa, o “Il film che l’Italia non vedrà“, sempre su La Stampa).

È un film che nel nostro paese non mancherà di sollevare polemiche, dato anche il clima infuocato della nostra politica: i fondamentalisti che massacrarono e uccisero Ipazia (i parabolani) erano cristiani ed agirono col silenzio-assenso, se non addirittura sotto il mandato, del vescovo Cirillo diventato in seguito San Cirillo di Alessandria, considerato dal cattolicesimo dottore della Chiesa.

In Italia – visto chi sono i cattivi nel film – sembra ci siano ci sono state forti resistenze e difficoltà a trovare un distributore. È l’ostracismo che subiscono da noi i film che in qualche modo mettono in discussione la religione cattolica, sia pure nelle sue frange più fondamentaliste. La stessa sorte è capitata, per esempio, a “Religiolus – Vedere per credere“.

Fortunatamente ora la situazione sembra essere sbloccata e il film dovrebbe debuttare nelle sale italiane venerdì 23 aprile 2010.
Leggi il seguito di questo post »

Sapere aude!

16 agosto 2009

Qualche giorno fa una sentenza del TAR del Lazio ha dichiarato discriminatorio nei confronti dei non cattolici che chi frequenta l’ora di religione – facoltativa – possa ricevere crediti formativi e che gli insegnanti di religione possano partecipare agli scrutini.

Diego Coletti, presidente della commissione episcopale per l’educazione cattolica (nonché monsignore secondo la gerarchia vaticana e a quanto pare vescovo di Como) ha detto che si tratterebbe del più bieco illuminismo e che si andrebbe verso la «cancellazione delle diversità e delle identità».

A me sembra invece che la sentenza affermi un principio basilare di laicità; che sia più che giusta visto che i docenti di religione sono scelti dalla curia e non tramite concorso pubblico; e che ribadisca semplicemente il contenuto del concordato che prevede che l’insegnamento della religione non debba in alcun modo essere discriminatorio.

Pretendere che chi non frequenta l’ora di religione (facoltativa) sia giudicato allo stesso modo di chi la segue è voler cancellare le disparità di trattamento, non le diversità culturali; e il principio alla base dell’illuminismo è l’esatto opposto del negare l’identità di qualcuno:

L’Illuminismo è la liberazione dell’uomo dallo stato volontario di minorità intellettuale. La minorità intellettuale è l’incapacità di servirsi dell’intelletto senza la guida di un altro. Questa minorità è volontaria quando la causa non sta nella mancanza d’intelletto, ma nella mancanza di decisione e di coraggio nel farne uso senza la guida di altri. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti del tuo proprio intelletto! Questo è il motto dell’illuminismo.

(Immanuel Kant, filosofo, 1784)

Che sia proprio questo che monsignor Coletti non ama dell’illuminismo?


Io dico l’Universo…

15 agosto 2009

I pianeti come li vide GalileoIo dico l’Universo…

«Parmi, oltre a ciò, di scorgere nel Sarsi ferma credenza, che nel filosofare sia necessario appoggiarsi all’opinioni di qualche celebre autore, sì che la mente nostra, quando non si maritasse col discorso d’un altro, ne dovesse in tutto rimanere sterile ed infeconda; e forse stima che la filosofia sia un libro e una fantasia d’un uomo, come l’Iliade e l’Orlando furioso, libri ne’ quali la meno importante cosa è che quello che vi è scritto sia vero. Signor Sarsi, la cosa non istà così.

La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’universo), ma non si può intendere se prima non s’impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne’ quali è scritto.

Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto»

(“Il Saggiatore”, Galileo Galilei, 1623)