La bufala dei 98 milardi di condono ai gestori del gioco d’azzardo

8 settembre 2014

Nel repertorio di slogan urlati dai pasdaran pentastellati su social media, commenti agli articoli dei giornali, forum e blog uno dei più gettonati è il “condono di 98 miliardi” ai gestori del gioco d’azzardo in Italia.

Da dove arrivano i 98 miliardi? È quanto il generale della Finanza Umberto Rapetto aveva inizialmente contestato alle società concessionarie. Ciò che manca negli slogan è che in seguito la Corte dei Conti ha ridotto la richiesta a  2,5 miliardi, una cifra molto alta ma lontanissima da quella cotestata inizialmente.

La cosa fastidiosa è che questi 98 miliardi continuino a girare quando anche esponenti di primo piano del M5S ammettono che le cose stanno diversamente. La prova?

Nel giorno del discorso alla Camera di Matteo Renzi per il suo insediamento come Presidente del Consiglio passò su tutti i giornali uno scambio di “pizzini” tra l’ex sindaco di Firenze e il vicepresidente della Camera Luigi di Maio. Quella che ci interessa è la risposta di Di Maio a Renzi. Eccola:

2,5 miliardi di euro di condono alle slot machine

2,5 miliardi di euro di condono alle slot machine

Scrive Di Maio nel suo elenco: “2,5 miliardi di euro di condono alle slot machine“.

Le società concessionarie se la sono cavata pagando 600 milioni. Di sicuro 1,9 miliardi sono uno sconto enorme che può e deve indignare; ma non è niente di paragonabile ai 98 miliardi di cui si continua impunemente a ragliare.

 

 


Quando anche Grillo sfotteva i complottisti e le scie chimiche…

29 luglio 2014

È interessante sentire quello che un disincantato Beppe Grillo raccontava tempo fa sulle scie chimiche e i complotti. Il video è stato caricato su youtube nel settembre 2012 ma non so a quanto tempo fa risalga.

Cito testualmente:

[…] La cosa interessante sono quelli seduti che stanno ad ascoltare. Chi sono? Sono … alcuni della 5a dimensione! C’è gente che passa e dice: «perché non parli…? È colpa tutta… tutta colpa delle scie chimiche. Parla delle scie chimiche! Le abbiamo fotografate! Stanno cambiando il clima, gli americani, con le scie chimiche!». Poi arriva un altro e dice: «come mai nessuno parla della fusione fredda? Che fine ha fatto? Preparate il morto. Chi l’ha ammazzato?» e se ne va…

Certo, è un bel passo avanti da parte di chi negava l’esistenza dell’AIDS e pubblicizzava palle di ceramica per fare il bucato.

Peccato solo che parecchia di quella gente stramba che chiedeva cose assurde sia diventata parlamentare o abbia oggi incarichi di rilievo nel movimento.

Non passa quasi giorno che un militante o un eletto pentastellato non balzi all’onore delle cronache per le sue affermazioni poco “ortodosse”.

Qualche esempio? C’è il deputato Carlo Sibilla che il 20 luglio twittava «Oggi si festeggia anniversario sbarco sulla #luna. Dopo 43 anni ancora nessuno se la sente di dire che era una farsa»; la “cittadina” Tatiana Basilio tempo fa su facebook si lamentava che «Le sirene esistono ma ce lo nascondono»; prima ancora il deputato Paolo Bernini scriveva: «Non so se lo sapete, ma in America hanno già iniziato a mettere i microchip all’interno del coropo umano…»; Monia Benini, l’addetta stampa del movimento al parlamento, è da tempo impegnata nella lotta contro le terribili scie chimiche; diverse sono state le iniziative dei pentastellati a livello locale contro la vaccinazione di massa e c’è anche una proposta di legge depositata in parlamento e firmata da Emanuela Corda.

Questi che gli chiedevano cose strane son riusciti a convincerlo? O tutto sommato gente così gli fa comodo? Non voglio pensar male per cui do per buona la prima: Beppe, a quando una bella interpellanza parlamentare sulle scie chimiche come il peggior Di Pietro? O magari sul signoraggio?

 


Di Battista, il ballista inconsapevole

1 giugno 2014
Uno dei migliori comunicatori M5S

Uno dei migliori comunicatori M5S (figuriamoci gli altri…)

Secondo il pasdaran grillino Alessandro Di Battista (#Diba per i suoi sostenitori) il risultato elettorale deludente del M5S sarebbe stato determinato dalla bassa affluenza alle urne che a suo dire avrebbe penalizzato il suo partito.

È un grande, non c’è che dire. Ricorderò sempre la prima volta che lo sentii parlare in TV, quando sciorinò un’analisi politica di una profondità straordinaria dichiarando di non fidarsi di Renzi perché … aveva lo sguardo falso (o qualcosa del genere). Io sono sicuro che non sia in malafede e che alle sciocchezze che dice ci creda veramente. Gliele raccontano, le ripete un paio di volte e poi si convince che siano idee sue; un po’ come quei sostenitori pentastellati che danno il meglio di loro stessi nei commenti degli articoli dei giornali online: qualunque cosa leggano sul blog di Grillo, dopo un po’ si convincono di averla sempre pensata – capita a chi ha dato in outsourcing la gestione del proprio cervello – e son pronti a sostenerla oltre il confine del ridicolo (quando i fatti contraddicono i convincimenti di un fanatico allora è la realtà a sbagliare).

Potrei cavarmela dicendo che da sempre alle elezioni europee gli elettori si sentono meno responsabilizzati e votano più “di pancia”, dando spazio al voto di protesta. Da sempre i voti dati alle europee ai movimenti di protesta non si traducono negli stessi voti alle politiche.

A questo giro, in Italia, il partito euro-scettico anti-casta anti-sistema anti-banche ecc. ecc. ecc. che doveva non vincere ma stravincere, prendere più voti di tutti, processare sul web i suoi nemici, marciare su Roma, assediare il presidente della Repubblica, chiedere nuove elezioni politiche, vincerle e portare finalmente questi sedicenti liberatori al potere che avrebbero usato con “cattiveria” – insomma: il M5S di Grillo – ha preso la metà dei voti del principale partito di governo che ha conseguito – da solo – un risultato numerico che nel nostro paese non si vedeva da sessant’anni. Il PD è risultato il primo partito <b>in tutte</b> le regioni italiane. La colpa? Della stampa che si è limitata a ripetere le fesserie dette da Grillo senza magnificare lo splendido lavoro fatto dai pentastellati in parlamento (che si è concretizzato nel loro capolavoro politico: impedire a Renzi di partecipare alla “Partita del cuore” in favore di Emergency); e anche dei pensionati, naturalmente.

Ma torniamo ai risultati: l’affluenza alle Europee è stata bassa ma meno di quanto si prevedesse: il 58,69% (contro il 66,43% delle precedenti votazioni). Alle Europee quello di Grillo è risultato comunque il secondo partito; ha perso 3 milioni di voti in termini assoluti ma è comunque arrivato a un rispettabile 21%; ma si votava anche per eleggere i sindaci di oltre 4000 comuni. Ebbene, dove si votava anche per le amministrative l’affluenza è stata decisamente più alta: il 70,99%. Alle amministrative il partito di Grillo e Di Battista è stato molto spesso il terzo, alle spalle di Forza Italia, e con risultati decisamente più contenuti. Il M5S va ai ballottaggi in 12 casi ed elegge un sindaco su oltre 4000 comuni in cui si votava (se non ho capito male la sofisticatissima comunicazione di Grillo).

Quindi Di Battista si tranquillizzi: ha detto solo una (beh, l’ennesima) sciocchezza. Alle Europee ai grillini non è andata come speravano ma se si fosse votato di più poteva andargli peggio: come alle amministrative!


Pronto Beppe?

29 maggio 2013

blablabla(DRIIIIIN)

– Pronto Beppe? Ciao! Allora? Come sono andate le elezioni?
– Avete vinto? GRANDI! E avete vinto bene?
– Come? Dal 2008 i voti triplicati o quadruplicati? E gli altri hanno perso altrettanto? Ma è fantastico! E rispetto le politiche?
– Quelle non contano dici? Ma veramente… ci son state appena tre mesi fa.
– Ah, ok, il crollo dell’affluenza. Ma per voi com’è andata?
– Come dici? La propaganda dei media? I numeri che i giornali non danno? Bisogna saper leggere i numeri?
– Boh? Non capisco, comunque vabbé, dài, l’importante è che abbiate vinto. Me lo aspettavo che sarebbe stato un successone! Ballottaggi a pioggia, sindaci ovunque! Una vittoria schiacciante su tutti i fronti! Specie a Roma!
– Come? Non avete vinto a Roma? Al ballottaggio con Alemanno allora…
– No? Terzi? Ma di poco, immagino. Che sfiga.
– Voi sotto il 13% e Alemanno sopra il 30%?
– Sì ok, va bene, lui era il sindaco uscente, però…
– Senti, ma allora primo chi è arrivato?
– MARINO? Oltre il 42%? Ma com’è possibile, non è del PD?
– Non lo sanno neanche loro? A questo posso crederci.
– Ma voi, come mai nemmeno il 13%? Perdere così tanto in tre mesi…
– “Non è preoccupante”? Ma come non è preoccupante, Beppe?
– Sarà… E al ballottaggio chi appoggiate?
– Nessuno? Come sarebbe a dire “sono la stessa cosa”? Marino e Alemanno la stessa cosa? Beppe, ma hai bevuto?
– Mah… Comunque dai, almeno avete preso Siena! Oh mioddddio Siena! Lì gliele avrete suonate?! Da quant’è che parlate del MontePaschi? Lì avrete fatto il pieno! Siete stati FORTISSIMI! Perché avete VINTO a Siena, giusto?
– Ah, no? Oh, cavolo, dài almeno a Siena… Beh, sarete al ballottaggio?
– No? Oh, cavolo… Nemmeno secondi?! Terzi almeno?
– No?! Come allora?
– Dietro RIFONDAZIONE? Ma se non esiste più?
– Ah la colpa è dei cittadini senesi ingrati tutti ammanicati col Monte dei Paschi? Beppe, ma ti stai ascoltando? Che cazzo dici?
– Ok, ma comunque avrete tanti sindaci eletti al primo turno e tanti ballottaggi! Così potrete far vedere come amministrano le città i Cittadini! Dov’è che andate al ballottaggio?
– A Pomezia, Martellago e Assemini? Beppe, mapporc..
– “Assemini è importante”? Beppe, con tutto il rispetto per Assemini, ma … che cazzo dici?
– Ossignore, Beppe… Vabbè, sentiamo, dov’è che avete eletto ‘sti sindaci?
– NON NE AVETE ELETTI?!?!? Beppe, ma…
– Sì, ho capito Beppe, i giornali, la TV, però…
– Come Beppe?
– Sconfitti i partiti? Ma sei fuori? Avete perso, dai…
– Colpa dei pensionati e dei dipendenti pubblici?
– Beppe… Ma vaffanculo, va’…

(click)


Credevo che l’avessero capito…

20 aprile 2013

Carta stracciaDavvero credevo che a questo punto fosse chiaro.

L’elettorato ve l’ha urlato cominciando con Vendola in Puglia, passando poi per Pisapia a Milano, De Magistris a Napoli, Zedda a Cagliari, Orlando a Palermo per arrivare a Crocetta in Sicilia e al successo del Movimento 5 Stelle alle ultime elezioni: siamo di sinistra, non vogliamo accordi col centro se questo significa derogare significativamente dal nostro «progetto di società di pace, di libertà, di uguaglianza, di laicità, di giustizia, di progresso e di solidarietà», e – soprattutto – per nessuna ragione al mondo vogliamo accordi con chi è disposto a perdonare qualunque cosa al Caimano, a massacrare il paese, il lavoro, la giustizia sociale, i diritti in cambio di sconti e condoni; non lo vogliamo nemmeno se sono nove milioni perché loro avranno le loro ragioni ma noi «vogliamo che i nostri rappresentanti siano scelti per le loro capacità e la loro onestà». Vogliamo un partito che ci rappresenti perché noi paghiamo le tasse, facciamo il nostro dovere ogni giorno per tirare avanti, vogliamo una scuola pubblica che funzioni, una buona università, sanità, lavoro, giustizia, equità e una politica pulita che tolga finalmente le mani da tutto ciò che non le compete e fatta da gente per bene. Wishful thinking? Può darsi. Irrealistico volere tutto e subito? Ma no, un po’ alla volta naturalmente, siamo anche ragionevoli e pazienti… Ma è quello che vogliamo e che vi chiediamo: da vent’anni…

Leggi il seguito di questo post »