La triste fine dei Lunacomplottisti, parte 5

5 gennaio 2018
Un lunacomplottist

Un lunacomplottista

Al solito, gli approfontimenti e le puntate precedenti li trovate in fondo (e il tipico lunacomplottista qui a fianco).

Di nuovo, per chi passasse di qui per caso e ancora non lo sapesse, i lunacomplottisti sono quei tizi un po’ ridicoli che credono che l’uomo non sia mai stato sulla luna e pensano che il programma Apollo sia stato un complotto del governo statunitense per ingannare la nazione e il mondo. In genere manifestano pubblicamente la propria ignoranza ragliando cretinate con ostentata convinzione e sicurezza, facendo intendere che loro la sanno lunga e ammiccando al pubblico come se anche loro dovessero esserne altrettanto convinti. Ne potete vedere qui sotto un esempio… come dire? Onorevole?

http3a2f2fi-huffpost-com2fgen2f19200272fimages2fn-carlo-sibilia-628x314

Un altro lunacomplottista

Ma torniamo alle cose serie. Ecco dunque l’ennesimo confronto tra i dati del Lunar Reconnaissance Orbiter (missione LRO del 2009 tutt’ora in corso) e quelli delle missioni Apollo. Questa volta però non si tratta di immagini ma di un video (che non ho fatto io ma l’ottimo InHoaxidable). Sulla sinistra c’è la ripresa dell’allunaggio dell’Apollo 15 (avvenuto il 30 luglio del 1971). Sulla destra un’animazione ottenuta tramite Google Earth. L’immagine del LRO mappata sulla Luna è la M175252641.

Notetete una differenza importante tra le immagini dell’Apollo e quelle del LRO: nelle seconde ci sono il modulo di atterraggio e le tracce lasciate dagli astronauti nel 1971.

Noi ingenui pensiamo che il filmato parli da solo. Ai lunacomplottisti però non la si fa. È ovvio che anche Google (lo stesso motore di ricerca che usano per le loro idiozie che magari pubblicano su YouTube, a sua volta proprietà della società di Mountain View) sia coinvolto, insieme ai ricercatori che ci lavorano, nel Grande Gombloddo Globale®© ordito dalla NASA e dalla CIA negli anni ’60 del secolo scorso.

Se non ci fossero bisognerebbe inventarli. È bello avere dei punti di riferimento verso il basso.


Approfondimenti:

Annunci

La triste fine dei lunacomplottisti – parte 4

31 agosto 2016
Lunacomplottista

Lunacomplottista

La faccio breve. Gli approfontimenti e le puntate precedenti li trovate in fondo.

I lunacomplottisti sono quelli che non credono che l’uomo sia mai stato sulla luna e pensano che il programma Apollo sia stato un complotto del governo statunitense per ingannare la nazione e il mondo. Non è chiaro lo scopo di tutto ciò, visto che economicamente sarebbe costato molto meno andare sulla Luna che organizzare e il complotto e far tenere le bocche cucite a tutti i partecipanti per più di quarant’anni, ma tant’è.

Nel 2009 la NASA ha spedito intorno alla Luna il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) con lo scopo di mapparne nel dettaglio la superficie e raccogliere altri dati scientifici in preparazione di un ritorno in grande stile dell’uomo sul nostro satellite naturale. La sonda, in orbita polare, ha fotografato la superficie della Luna da quote sempre più basse e la risoluzione elevata degli strumenti di bordo ha permesso di vedere i siti di atterraggio della missione Apollo. Negli articoli precedenti ho mostrato come queste immagini coincidano perfettamente con le riprese fatte dall’interno del modulo lunare nelle fasi di allunaggio e di decollo.

Sul sito complottilunari.blog.spot.com di Paolo Attivissimo, giornalista scientifico e debunker, ho scoperto che però, almeno nel caso dell’Apollo 15, il sito dell’allunaggio era stato fotografato anche dall’orbiter della missione. La storia di questa foto è descritta nel dettaglio nell’articolo di Paolo linkato prima.

Qui metto solo a confronto la foto del 1971 e l’immagine ripresa dal Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) nel 2012. Nel dettaglio del 1971 ho corretto leggermente luminosità e contrasto. In quella del 2012 ho modificato leggermente la prospettiva (operazione necessaria perché le due foto sono state prese da angolazioni differenti). Si tratta di una GIF animata e per questioni di spazio e di tempi di caricamento ho anche dovuto ridurre le dimensioni e la profondità del colore. Il risultato è questo:

apo15-400x400

Non mi sembra che ci sia bisogno di alcun commento.

 

 


Approfondimenti:


La triste fine dei lunacomplottisti – parte 3

5 febbraio 2011

Lancio dell'Apollo 15

Infierire in certi casi è bellissimo!

Riprendo volentieri la saga delle legnate che il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) sta assestando sulla zucca vuota dei lunacomplottisti perché mi era sfuggita una perla.

Il 13 aprile 2010 LRO ha ripreso ad altissima risoluzione e con l’incidenza giusta della luce solare il sito di allunaggio della missione Apollo 15 (il lancio, nella foto qui a fianco, è avvenuto il 26/7/1971; l’allunaggio il 30 luglio 1971).

Sono andato a cercarmi i filmati della partenza del LEM dalla superficie della Luna girati dall’interno della capsula per poterne confrontare qualche fotogramma con le nuove immagini, ed ecco qua il risultato…

Leggi il seguito di questo post »


LRO fotografa nuovamente il sito di atterraggio di Apollo 14

5 febbraio 2011
Siti di atterraggio delle missioni Apollo ripresi da LRO

Siti delle missioni Apollo ripresi da LRO

A sommo scorno di chi sostiene che “sulla Luna non ci siamo mai andati“, la sonda automatica Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) continua a sfornare immagini memorabili dei siti di atterraggio delle missioni Apollo.

La sonda, in orbita polare intorno alla Luna dal 2009, sta mappando ad altissima risoluzione la superficie del nostro satellite. Le immagini, che sono davvero spettacolari, ogni tanto riguardano luoghi di importanza storica.

Il 31 gennaio 1971 da Cape Canaveral fu lanciata la missione Apollo 14, diretta verso la Luna. Il modulo lunare Antares, con a bordo Alan Shepard ed Edgar Mitchell, si posò nei pressi del cratere Fra Mauro il 5 febbraio 1971, esattamente 40 anni fa. La zona è stata ripresa lo scorso 25 gennaio da LRO.

Leggi il seguito di questo post »


Sito Apollo 11 fotografato in alta risoluzione da LRO

11 novembre 2009

Base della TranquillitàDopo aver fotografato ad alta risoluzione i siti di atterraggio di Apollo 12 e Apollo 17 (vedere qui), il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha ripreso anche lo storico sito di Apollo 11, l’astronave che ha portato i primi uomini sulla Luna nel 1969.

Il dettaglio della base del modulo lunare è visibile chiaramente nell’ingrandimento qui a fianco.

Si possono distinguere “zampe” del modulo di atterraggio e (cliccando l’immagine per ingrandirla) le tracce lasciate dagli astronauti. Le tre macchioline bianche in basso sono gli strumenti scientifici lasciati sulla superficie della Luna da Armstrong e Aldrin.

Leggi il seguito di questo post »


Siti di atterraggio di Apollo 12 e 17 fotografati da LRO

5 novembre 2009

La sonda LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) della NASA, il killer del lunacomplottismo (si veda La triste fine dei lunacomplottisti – parte 1, parte 1.5 e parte 2), in orbita lunare dal giugno di quest’anno (2009) per mappare la superficie del nostro satellite, è scesa finalmente alla quota operativa di 50 km.

Dopo avere fotografato i siti di atterraggio di tutte le missioni Apollo dalla precedente quota di 100 km, ci sta ora mandando le immagini ad alta risoluzione degli stessi posti.

Questo è il dettaglio, commentato, del sito di atterraggio della missione Apollo 12:

Sito di atterraggio della missione Apollo 12 (19/11/1969)

Sito di atterraggio della missione Apollo 12 (19/11/1969) fotografato dalla sonda LRO

Questo invece è il sito di atterraggio dell’Apollo 17 :

Sito di atterraggio della missione Apollo 17

Sito di atterraggio della missione Apollo 17 (11/12/1972) fotografato dalla sonda LRO

I relativi annunci della NASA con tutti gli approfondimento del caso sono qui:


La triste fine dei Lunacomplottisti – parte 2

10 settembre 2009
Un esemplare di lunacomplottista di tipo "B"Questo articolo è dedicato ai lunacomplottisti di tibo “B” (quelli dediti al lunacomplottismo “debole” o “minore“). Di fianco ai duri e puri, sostenitori del Grande Complotto Trans-Generazionale Internazionale™, ci sono infatti quelli che – forse temendo di rendersi troppo ridicoli a sostenere una tesi così estrema o magari per poter tenere i piedi in due staffe – si rifugiano in un «Ok, sulla Luna ci siamo stati ma solo con le missioni successive all’Apollo 11, che invece era falsa: Armstrong, Collins e Aldrin non sono stati i primi uomini sulla Luna».

Leggi il seguito di questo post »