“Un enorme asteroide colpirà la Terra a settembre” ovvero “Astronomo: il mestiere più pericoloso del mondo”

17 settembre 2015
Un (altro) gigantesco asteroide in rotta di collisione verso la Terra?

Un (altro) gigantesco asteroide in rotta di collisione verso la Terra… Moriremo tutti (anche) ‘sta volta?

Di nuovo tutti i siti catastrofisti, cospirazionisti e di scienza “alternativa” ne parlano. A settembre, tra il 22 e il 28, un asteroide gigante o una cometa di alcuni chilometri di diametro colpirà la Terra.

Di nuovo la NASA avrebbe scoperto questo oggetto in rotta per la Terra due anni fa ma il governo degli Stati Uniti starebbe tacendo la cosa per non gettare la popolazione nel panico; e, di nuovo, delle élite di potenti, ricchi, politici, grandi industriali sarebbero state informate e starebbero costruendo dei rifugi sotterranei nei quali starebbero ammassando provviste.

Di nuovo la NASA starebbe impedendo ai telescopi di inquadrare quella parte di cielo; e, di nuovo, la CIA starebbe assassinando gli astronomi che vorrebbero diffondere la notizia.

Di nuovo ci sarebbero profezie bibliche che prevedono la fine del mondo.

Sarà vero?

Leggi il seguito di questo post »


Plutone batte un cinque

12 luglio 2012

Lo Hubble Space Telescope non cessa di darci soddisfazioni. A un anno dalla scoperta della quarta luna di Plutone, ecco la quinta (articolo NASA).

Plutone e il suo sistema di cinque lune

Plutone e il suo sistema di cinque lune

Per il momentosi chiama P5. Come la sua sorella P4 non ha ancora un nome. Si tratta di un corpo molto piccolo, dai 10 ai 25 km di diametro, probabilmente composto quasi interamente di ghiaccio, che percorre, in poco più di venti giorni terrestri, un’orbita circolare a 42000 km dal pianeta.

Intorno al piccolo Plutone (ha un diametro di 2322 km contro i 3475 della nostra Luna) che orbita a cinque miliardi di km dal Sole (il raggio dell’orbita terrestre è circa 150 milioni di km) c’è un vero e proprio sistema planetario in miniatura. Si pensa che possa essersi generato da uno scontro cosmico con un altro piccolo pianeta, in un lontano passato. Quando la sonda New Horizons arriverà a Plutone nel luglio 2015 troverà un ambiente ben più complesso di quanto si pensasse al suo lancio, nel gennaio 2006. I ricercatori che seguono la missione avranno il loro bel daffare per pianificare tutte le attività di osservazione di un sistema così inaspettatamente complesso durante il velocissimo passaggio ravvicinato. Non ci saranno infatti altre opportunità, visto che la sonda non si fermerà (sarebbe stato troppo costoso portarsi il carburante per una frenata così potente) ma procederà sparata verso la cintura di Kuiper, dove gli scienziati sperano di fare nuove scoperte.

La sonda NASA si trova nel momento in cui scrivo a oltre 3 miliardi e mezzo di km dal Sole e viaggia a una velocità di oltre 15 km/s rispetto al nostro astro (Where is New Horizons?).


La fine di Gaia (Caparezza)

23 ottobre 2011

Caparezza è un genio. Grazie a Nico Murdock per la segnalazione.


Gli asteroidi pericolosi sono meno del previsto

30 settembre 2011
Asteroide 433 Eros

Asteroide 433 Eros visitato dalla sonda NEAR. Le sue dimensioni sono circa 34km x 11 km x 11 km.

Stanno arrivando le prime analisi dei dati raccolti dalla sonda automatica WISE durante il suo censimento del cielo all’infrarosso.

Una parte importante del lavoro della sonda era trovare nuovi asteroidi, in particolare quelli con orbite vicine a quella terrestre e dunque potenzialmente pericolosi. Questi oggetti sono chiamati NEO (Near Earth Objects).

I NEO grossa dimensione (di diametro superiore a un km) sono sostanzialmente quelli previsti (ne sono stati osservati il 90% del previsto). Ne sono stati trovati un migliaio, dei quali 911 già noti (sono più grossi e dunque più visibili). Nessuno di questi rischia di colpire la Terra nei prossimi secoli. In particolare, si pensa che siano stati trovati tutti gli asteroidi di dimensioni superiori a 10 km, tipo quello che potrebbe aver causato l’estinzione dei dinosauri.

I veri potenziali killer sono però i NEO di media dimensione (tra 100m e 1km di diametro), perché troppo piccoli per essere avvistati da lontano coi mezzi tradizionali. La vista agli infrarossi di WISE è invece in grado di localizzarli molto più facilmente. Si prevedeva che ce ne potessero essere circa 35.000. Ebbene, ci sono buone notizie…

Leggi il seguito di questo post »


Ade e i pianeti perduti

25 settembre 2011
Il Sistema Solare

Rappresentazione artistica del Sistema Solare

Un evergreen del catastrofismo è il corpo celeste portatore di morte e distruzione. Il pianeta X, Nibiru, la cometa Elenin: tutti sono stati accusati di essere una “nana bruna” o di nasconderla. L’idea non troppo felice è che – essendo una nana bruna un corpo massiccio ma non visibile ai telescopi tradizionali visto che emette solo nell’infrarosso – allora questa potrebbe arrivare di soppiatto nel bel mezzo del sistema solare e farci fuori all’improvviso. Come già sappiamo (vedi “Nibiru: quando i neuroni scioperano“, “Come combattere comete assassine e allineamenti catastrofici con le mele” e “Tyche, signora delle comete; Nemesis, signora della distruzione; e Nibiru, signore dei creduloni“) si tratta di emerite sciocchezze.

La realtà è che il Sistema Solare è già troppo complesso così com’è per ammettere visitatori periodici in grado di scombussolarlo ulteriormente.

Gli astrofisici mettono continuamente a prova i loro modelli teorici con simulazioni computerizate per capire quanto precisamente rappresentino la realtà. Ebbene, secondo i modelli più accreditati, l’attuale configurazione del sistema solare sarebbe un rompicapo…

Leggi il seguito di questo post »


Nibiru: quando i neuroni scioperano

6 maggio 2011

Mi sono divertito a buttar giù qualche numero a proposito di una delle frottole più stupide della rete, il famigerato pianeta Nibiru.

Tanto per cominciare, è sconfortante vedere come nessuno dei sostenitori di questa baggianata si sia premurato di fare qualche calcolo; così, tanto per fare una semplice verifica. Molti non si sono nemmeno dati la pena di controllare le fonti: d’altra parte a che pro farlo, quando si è convinti che ci sia un complotto per coprire la notizia? E così tutto fa brodo: Nemesis, pianeta X, Eris, Sedna e ora anche Tyche e la cometa Elenin

Le uniche informazioni più o meno certe (beh, si fa per dire) sono: che passerà al perielio – il punto più vicino al Sole della sua orbita – il 21/12/2012; che in quel momento si troverà al centro della fascia principale degli asteroidi, a 2,8 unità astronomiche dal Sole (una Unità Astronomica corrisponde alla distanza media della Terra dal Sole, circa 150 milioni di km); che il suo periodo orbitale è di 3600/3750 anni.

Ho così rispolverato le mie conoscenze di trigonometria ed astronomia ed ecco cos’è saltato fuori…

Leggi il seguito di questo post »


Pianeti rocciosi e lune

5 aprile 2011

Quanto è grande la Terra?Le dimensioni relative dei corpi celesti sono tanto misconosciute quanto le distanze astronomiche.

Per esempio, molti si meravigliano scoprendo che la nostra Luna è parecchio più grande di Plutone; e che anche Mercurio è più piccolo di alcune lune del sistema solare.

Nell’immagine che segue ho messo a confronto le dimensioni dei maggiori corpi rocciosi conosciuti del Sistema Solare. Si tratta dei pianeti rocciosi, di quelli nani e di alcuni satelliti naturali di pianeti del sistema solare…

Leggi il seguito di questo post »