La triste fine dei lunacomplottisti – parte 4

31 agosto 2016
Lunacomplottista

Lunacomplottista

La faccio breve. Gli approfontimenti e le puntate precedenti li trovate in fondo.

I lunacomplottisti sono quelli che non credono che l’uomo sia mai stato sulla luna e pensano che il programma Apollo sia stato un complotto del governo statunitense per ingannare la nazione e il mondo. Non è chiaro lo scopo di tutto ciò, visto che economicamente sarebbe costato molto meno andare sulla Luna che organizzare e il complotto e far tenere le bocche cucite a tutti i partecipanti per più di quarant’anni, ma tant’è.

Nel 2009 la NASA ha spedito intorno alla Luna il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) con lo scopo di mapparne nel dettaglio la superficie e raccogliere altri dati scientifici in preparazione di un ritorno in grande stile dell’uomo sul nostro satellite naturale. La sonda, in orbita polare, ha fotografato la superficie della Luna da quote sempre più basse e la risoluzione elevata degli strumenti di bordo ha permesso di vedere i siti di atterraggio della missione Apollo. Negli articoli precedenti ho mostrato come queste immagini coincidano perfettamente con le riprese fatte dall’interno del modulo lunare nelle fasi di allunaggio e di decollo.

Sul sito complottilunari.blog.spot.com di Paolo Attivissimo, giornalista scientifico e debunker, ho scoperto che però, almeno nel caso dell’Apollo 15, il sito dell’allunaggio era stato fotografato anche dall’orbiter della missione. La storia di questa foto è descritta nel dettaglio nell’articolo di Paolo linkato prima.

Qui metto solo a confronto la foto del 1971 e l’immagine ripresa dal Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) nel 2012. Nel dettaglio del 1971 ho corretto leggermente luminosità e contrasto. In quella del 2012 ho modificato leggermente la prospettiva (operazione necessaria perché le due foto sono state prese da angolazioni differenti). Si tratta di una GIF animata e per questioni di spazio e di tempi di caricamento ho anche dovuto ridurre le dimensioni e la profondità del colore. Il risultato è questo:

apo15-400x400

Non mi sembra che ci sia bisogno di alcun commento.

 

 


Approfondimenti:


Tracce di alieni sulla Luna? Cerchiamole!

27 febbraio 2012
Il monolito nero sepolto sotto la superficie lunare di "2001 odissea nello spazio"

Il monolito nero sepolto sotto la superficie lunare di "2001 odissea nello spazio"

Il  Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA, la sonda che sta fotografando la superficie lunare e che tanti dispiaceri ha dato ai lunacomplottisti, ha raccolto finora quasi trecentocinquantamila immagini ad altissima risoluzione (mezzo metro per pixel, se non sbaglio) del nostro satellite, mappandone circa un terzo. Si prevede che alla fine della missione le immagini saranno oltre un milione.

I professori Paul Davies e Rober Wagner della Arizona State University ritengono che queste immagini e tutti gli altri dati provenienti dalle recenti missioni lunari possano essere utilizzati per cercare eventuali prove che delle civiltà aliene evolute abbiano fatto visita al nostro pianeta. Di speranze ne hanno poche, ma visto che i dati ci sono il rapporto costi/benefici di un’eventuale ricerca sarebbero potenzialmente enormi…

Leggi il seguito di questo post »


La triste fine dei lunacomplottisti – parte 3

5 febbraio 2011

Lancio dell'Apollo 15

Infierire in certi casi è bellissimo!

Riprendo volentieri la saga delle legnate che il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) sta assestando sulla zucca vuota dei lunacomplottisti perché mi era sfuggita una perla.

Il 13 aprile 2010 LRO ha ripreso ad altissima risoluzione e con l’incidenza giusta della luce solare il sito di allunaggio della missione Apollo 15 (il lancio, nella foto qui a fianco, è avvenuto il 26/7/1971; l’allunaggio il 30 luglio 1971).

Sono andato a cercarmi i filmati della partenza del LEM dalla superficie della Luna girati dall’interno della capsula per poterne confrontare qualche fotogramma con le nuove immagini, ed ecco qua il risultato…

Leggi il seguito di questo post »


LRO fotografa nuovamente il sito di atterraggio di Apollo 14

5 febbraio 2011
Siti di atterraggio delle missioni Apollo ripresi da LRO

Siti delle missioni Apollo ripresi da LRO

A sommo scorno di chi sostiene che “sulla Luna non ci siamo mai andati“, la sonda automatica Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) continua a sfornare immagini memorabili dei siti di atterraggio delle missioni Apollo.

La sonda, in orbita polare intorno alla Luna dal 2009, sta mappando ad altissima risoluzione la superficie del nostro satellite. Le immagini, che sono davvero spettacolari, ogni tanto riguardano luoghi di importanza storica.

Il 31 gennaio 1971 da Cape Canaveral fu lanciata la missione Apollo 14, diretta verso la Luna. Il modulo lunare Antares, con a bordo Alan Shepard ed Edgar Mitchell, si posò nei pressi del cratere Fra Mauro il 5 febbraio 1971, esattamente 40 anni fa. La zona è stata ripresa lo scorso 25 gennaio da LRO.

Leggi il seguito di questo post »


Sito Apollo 11 fotografato in alta risoluzione da LRO

11 novembre 2009

Base della TranquillitàDopo aver fotografato ad alta risoluzione i siti di atterraggio di Apollo 12 e Apollo 17 (vedere qui), il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha ripreso anche lo storico sito di Apollo 11, l’astronave che ha portato i primi uomini sulla Luna nel 1969.

Il dettaglio della base del modulo lunare è visibile chiaramente nell’ingrandimento qui a fianco.

Si possono distinguere “zampe” del modulo di atterraggio e (cliccando l’immagine per ingrandirla) le tracce lasciate dagli astronauti. Le tre macchioline bianche in basso sono gli strumenti scientifici lasciati sulla superficie della Luna da Armstrong e Aldrin.

Leggi il seguito di questo post »


Siti di atterraggio di Apollo 12 e 17 fotografati da LRO

5 novembre 2009

La sonda LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) della NASA, il killer del lunacomplottismo (si veda La triste fine dei lunacomplottisti – parte 1, parte 1.5 e parte 2), in orbita lunare dal giugno di quest’anno (2009) per mappare la superficie del nostro satellite, è scesa finalmente alla quota operativa di 50 km.

Dopo avere fotografato i siti di atterraggio di tutte le missioni Apollo dalla precedente quota di 100 km, ci sta ora mandando le immagini ad alta risoluzione degli stessi posti.

Questo è il dettaglio, commentato, del sito di atterraggio della missione Apollo 12:

Sito di atterraggio della missione Apollo 12 (19/11/1969)

Sito di atterraggio della missione Apollo 12 (19/11/1969) fotografato dalla sonda LRO

Questo invece è il sito di atterraggio dell’Apollo 17 :

Sito di atterraggio della missione Apollo 17

Sito di atterraggio della missione Apollo 17 (11/12/1972) fotografato dalla sonda LRO

I relativi annunci della NASA con tutti gli approfondimento del caso sono qui:


Acqua sulla Luna!

24 settembre 2009

Missione LCROSSL’annuncio è stato dato (ANSA). La NASA, in una conferenza stampa, ha confermato le indiscrezioni che giravano ieri.

I dati – pubblicati dalla prestigiosa rivista scientifica Science – provengono dagli strumenti di tre sonde automatiche diverse, quelli dell’indiana Chandrayaan-1, il radar italo-americano della sonda Cassini (VIMS), e quelli della sonda NASA Deep Space, e hanno fornito risultati concordanti: c’è acqua sulla Luna, ed è relativamente abbondante (meno che nella sabbia dei nostri deserti terrestri, ma comunque molto di più di quanto si pensasse).

«Per “acqua sulla Luna“», spiega Carle Pieters of Brown University, «non bisogna intendere laghi, oceani o anche solo pozzanghere […] ma molecole di acqua o di ione idrossido (OH) che interagiscono con le molecole di roccia e polvere, specificamente nei primi millimetri della superficie lunare».

Leggi il seguito di questo post »