Edizione straordinaria!

21 dicembre 2012

12 15 ore di buio: ce la faremo?

Edizione straordinaria!

La NASA conferma che oggi venerdì 21/12/2012, a causa di un particolare allineamento della Terra col Sole che si ripete circa ogni 26000 anni (non ho capito se c’entrino anche la cintura fotonica, il centro della galassia, il dark rift e Nibiru ma dev’essere senz’altro così) ci saranno 12 15 ore di buio. Le conseguenze di questo fenomeno straordinario sono ancora allo studio. Per il momento è stato battezzato “notte“.

Le autorità consigliano di limitare gli spostamenti, di non perdere la calma, di non farsi prendere dal panico … e di non eccedere con l’alcol.

Errata corrige delle 15:09: l’ESA mi segnala (vedi commento qui sotto) che le ore di buio saranno 15 e non 12. Mio Dio, moriremo tutti!!


21/12/2012: il giorno dei babbei

21 dicembre 2012
21/12/2012: il giorno dei babbei

21/12/2012: il giorno dei babbei


Il giorno che non successe nulla

14 dicembre 2012

fanculoIl 21/12/2012 il mondo non finirà; non ci sarà il diluvio; la Terra non smetterà di ruotare per poi ripartire in senso inverso; il campo magnetico non si invertirà; nessun asteroide ci colpirà; le comete se ne staranno lontane; l’inesistente Nibiru e tutti i suoi inesistenti fratelli rimarranno nel cervello marcio di chi ne racconta le gesta; non verremo ingoiati da un buco nero, come invece lo è stata la razionalità dei creduloni; non arriveranno astronavi aliene; non ci allineeremo con niente di particolare, ne’ col centro della galassia ne’ con i pianeti; nessuna cintura di luce o di fotoni cingerà la terra; non vibreremo; non risuoneremo; i raggi cosmici continueranno ad essere bloccati dall’atmosfera; il sole non ci arrostirà con un super brillamento e non si spegnerà, nemmeno per tre giorni (anche se di ‘sti tempi fa freschino); non verranno gli alieni; le profezie hopi, egizie, azteche, inca e tutte le altre che qualche pirla ha riscritto facendole coincidere con quella del 21/12/2012 – che i Maya per altro non avevano fatto – non si avvereranno (ne’ domani, ne’ mai); non si avvereranno nemmeno le inventatissime profezie di Orione e dei teschi di cristallo e tutte le altre costruite ad uso e consumo di chi è tanto babbeo da crederci; non ci saranno cambiamenti spirituali e le centurie di quel grandissimo coglione di Nostradamus continueranno a non avverarsi.

Il 21/12/2012 sarà il giorno più corto dell’anno, questo sì, così come capita ogni anno il 21 dicembre del resto, ma non succederà niente di particolare. Berlusconi continuerà a sbraitare contro i giudici e i comunisti (magari ce ne fossero ancora di quelli come Berlinguer) o dirà una cazzata che qualche servetto correggerà dopo un’ora farfugliando che è stato frainteso; troppi continueranno a credergli; i grillini continueranno a essere convinti che “democrazia significa che se non ti va bene come dice Beppe allora sei fuori”; Monti a sostenere che equità sia far pagare il conto ai poveracci perché se no chi ha i soldi li porterebbe all’estero; Bersani continuerà a non dire un cazzo; Casini a far finta di esser stato altrove per vent’anni e i leghisti a comportarsi esattamente come gli altri ma con l’elmo cornuto in testa cantando il Va pensiero

La vera profezia Maya (di Fabio Magnasciutti)Il 21/12/2012 nessuno di quelli che avevano gridato all’apocalisse cambierà idea o si vergognerà almeno un po’ di esser stato tanto babbeo.

Al contrario, senza alcuna dignità, senza umiltà, senza il minimo dubbio, diranno che sì, forse la data era sbagliata ma i segni ci sono ancora tutti, che questa società marcia, dove i veri ricercatori vengono dileggiati e presi in giro, perirà sotto un fuoco purificatore e che allora il mondo sarà di chi è umile (come loro, che pensano che studiare e informarsi sia arrogante e che umiltà e ignoranza siano sinonimi) e di chi ha avuto la mente aperta (come loro che pensano di averla perché credono a qualunque stronzata purché vada contro la “scienza ufficiale”).

Fanculo tutti.


Il testo è mio. L’Ape Maya è di Fabio Magnasciutti. La foto di Babbo Natale l’ho pubblicata col suo permesso.

 


Quando le profezie si auto realizzano

15 novembre 2012

Effetto Rosenthal

Credo di aver scritto più volte che l’unico rischio delle presunte “profezie” in generale e di quelle idiote come l’apocalisse maya del 2012 in particolare è che si auto-realizzino, cioè che qualcuno, magari disturbato, ci creda e se ne convinca a tal punto da farla avverare (mentre non sarebbe successo nulla se la profezia non fosse stata fatta).

Ebbene, qualcosa di simile è già successo…

Leggi il seguito di questo post »


I Maya, il 2012 e il codice di Dresda

18 novembre 2009
Ultima pagina del Codice di Dresda

L’ultima pagina del Codice di Dresda descrive un diluvio

Sul web si parlava tanto della “fine del mondo” nel 2012 già nel 2007. Ora (2009) che è uscito l’omonimo kolossal cinematografico dagli effetti speciali straordinari (e dalla trama assolutamente inesistente) sull’apocalisse Maya, di questo fenomeno si è accorta anche la TV.

Al di la delle insulse stupidaggini che si dicono sul piano scientifico (allineamenti planetari o galattici, esplosioni solari, inversione dei poli magnetici, inversione dei poli geografici, arresto del moto di rotazione, fusione totale dei ghiacci in un lampo, nibiru e chi più ne ha più ne metta) resta come base della discussione la (presunta) profezia dei Maya sulla fine del mondo. Ogni sito catastrofista fornisce la propria interpretazione, citando altri siti catastrofisti o newage o maestri della fuffa come Gregg Braden, che parlò del presunto allineamento col centro della galassia, già discusso in questo blog.

Ma cosa hanno lasciato scritto di preciso i Maya su questo argomento?

Della loro cultura ci è giunto pochissimo perché il solerte vescovo Diego De Landa fece bruciare tutti i documenti e gli scritti di questa civiltà. L’intento era di fare tabula rasa dei loro usi, storia, cultura e religione per poter evangelizzare lo Yucatan. Si sono salvate delle iscrizioni nei monumenti, delle stele e pochissimi scritti, detti codici, che portano il nome delle città o dei posti in cui sono conservati: Parigi, Madrid, Grolier, Praga e il più completo, quello di Dresda. Cito da Wikipedia:

Il codice contiene solo 74 pagine; tratta esclusivamente temi di ordine religioso e rituale, come il moto orbitale di Venere, il calcolo delle sue fasi, le previsioni delle eclissi solari e lunari, le cerimonie per il nuovo anno. […] Altri capitoli sono dedicati a Chaak, il dio della pioggia […]

Quella riportata poco sopra è l’ultima pagina del codice di Dresda e parla di un diluvio…

Leggi il seguito di questo post »