Le stragi causate dai vaccini

19 agosto 2017
cj4kjvewyaaryk

Due noti farmacologi, virologi, oncologi ed epidemiologi

Nei siti anti vaccinisti vi sarà capitato sicuramente di leggere di vere e proprie stragi causate dai vaccini che sarebbero tenute nascoste dall’establishment per continuare a foraggiare Big Pharma.

Le stime variano dalle centinaia alle migliaia di morti che le autorità sanitarie terrebbero nascoste ogni anno per poter continuare impunemente a perpetrare i loro crimini. Red Ronnie, uno dei casi più imbarazzanti di vip tanto bolliti quanto disinformati che ogni tanto vengono riesumati per proferire roboanti cazzate in TV e sui media, in un intervento televisivo alla trasmissione Virus parlò di almeno 1500 morti causati ogni anno in Italia dai vaccini, aggiungendo che “è demenziale vaccinare i bambini”.

Sarà davvero così? Non diciamo cazzate…

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Gino Strada sui vaccini

3 agosto 2017
In Africa vaccinazioni e profilassi non esistono. Purtroppo, anche qui c'è qualche cretino che dice che le vaccinazioni non servono o che fanno male. Ritorniamo al diritto d'essere cretini… Io, da medico, penso che un genitore che non vaccini i propri figli sia un'irresponsabile totale. Gino Strada 22/5/2017

Gino Strada, fondatore di Emergency


Chi fa gli interessi di BigPharma?

31 luglio 2017

vaccinotbcI vaccini non sono gratis. Uno degli argomenti preferiti dei novax è che le multinazionali del farmaco avrebbero un grande interesse economico nell’imporne l’uso.

La risposta della comunità medico-scientifica è che i vaccini in realtà fanno risparmiare e che Big Pharma guadagnerebbe molto di più col trattamento delle malattie invece che con la prevenzione vaccinale.

Chi ha ragione?

Ho già mostrato in un altro articolo che tutti i vaccini messi assieme rendono all’industria farmaceutica quanto i due soli farmaci più redditizi (vedi qui), ma questa è solo una risposta indiretta.

Una più diretta ce la fornisce un articolo pubblicato su PubMed nel 2014 sul costo del trattamento dei casi di tubercolosi nell’Unione Europea nel 2011. Eccone un estratto.

Meno noto […] è il costo la tubercolosi in EU.

Abbiamo effettuato una revisione sistematica della letteratura e dei siti web istituzionali riguardanti 27 degli stati membri per sommare il dato dei costi. Abbiamo cercato articoli rilevanti su Medline, EMBASE e sulla bibliografia della fondazione Cochrane.

Combinando costi diretti e indiretti siamo arrivati ad un costo medio per caso di tubercolosi di 10.282€ per le infezioni sensibili ai farmaci, di 57.213€ per quelle multiresistenti (MDR), e di 170.744€ per quelle con resistenza estesa (XDR), nei paesi EU15 più Cipro, Malta e Slovenia. Nei restanti paesi UE il costo medio è di €3,427 per le infezioni sensibili e di €24,166 per quelli MDR/XDR.

Per i 70.340 casi accertati nel 2011 di TBC sensibile, per i 1.488 di TBC-MDR e per i 136 di TBC-XDR il costo totale accumulato fino al 2012 è stato di 536.890.315€.

Una dose di vaccino per la tubercolosi costa 30€. Con quello che si spende in un solo anno per curare questa grave malattia si comprano quasi 18 milioni di dosi di vaccino (che protegge per l’intera vita).

Chi è che fa davvero gli interessi di BigPharma? Quelli che sostengono l’uso dei vaccini o i novax?


Morbillo, quello che i no-vax non dicono: l’amnesia del sistema immunitario

21 giugno 2017
Red_White_Blood_cells

Globulo rosso, piastrina e linfocita T

Uno degli effetti indiretti del morbillo pare essere uno strano tipo di ‘amnesia’: non quella dei ricordi ma quella del sistema immunitario.

È noto che il morbillo ha un effetto immuno-soppressivo nel breve termine: fino a un mese dopo la malattia il sistema immunitario risulta debilitato e si corre il rischio di prendersi infezioni importanti. Questo è abbastanza comune per molte malattie, influenza compresa.

Quello che non si sospettava è che il sistema immunitario, quando rientra in funzione, potesse – per così dire – perdere la memoria per un periodo che può arrivare fin quasi a tre anni…

Leggi il seguito di questo post »


Come mentire dicendo la verità

10 giugno 2017

parzialeTempo fa ho scrit­to un ar­ti­co­lo sul vac­ci­no antipoliomielite e sul fat­to che en­tro po­chi an­ni an­che questa terribile malattia potrà dirsi estinta, come il vaiolo, grazie ai vac­ci­ni, a chi vac­ci­na e a chi si vac­ci­na. Quest’an­no, ad og­gi, nel mon­do ci so­no sta­ti so­lo cin­que ca­si di po­lio­mie­li­te ende­mi­ca, 3 in Af­gha­ni­stan e 2 in Pa­ki­stan. Spe­ria­mo che sia­no gli ul­ti­mi. Non è co­mun­que di que­sto che vog­lio par­la­re.

Commentando l’articolo un anti-vaccinista sosteneva che la polio sarebbe scomparsa per il miglioramento delle condizioni sanitarie e non per il vaccino.

È una fesseria naturalmente, visto che la polio è scomparsa anche in tutta l’Africa, in India e in tanti paesi dell’Asia dove le condizioni sanitarie non sono affatto migliorate come in occidente (*), ma è un argomento abbastanza tipico degli anti-vaccinisti. Provate a cercare su google “truth about polio vaccine” e ve ne renderete conto.

A supporto della loro tesi riportano variazioni sul tema di un grafico coi casi di polio come quello qui sopra dove si vede chiaramente che nel momento in cui fu introdotto il vaccino la malattia era già in calo. Ed è vero, hanno ragione, era proprio in calo. Però …

Leggi il seguito di questo post »