Il decalogo della disinformazione sul riscaldamento globale

15 giugno 2010

Riscaldamento globaleÈ da qualche anno che anche parlare del tempo mette angoscia. Dai luoghi comuni sulle mezze stagioni siamo piombati in notizie cupe su ghiacciai che si ritirano, orsi polari alla deriva sulla banchisa polare che si spezza, tempeste tropicali, uragani, tifoni e chi più ne ha più ne metta.

Da una parte ci sono i disinformati catastrofisti, succubi delle dannosissime idiozie che spesso si vedono su youtube o si leggono nei forum, che parlano di scenari catastrofici con mari che cresceranno di decine di metri in pochi anni e di complotti degli scienziati (!!!) per tenercelo nascosto; dall’altra i disinformati negazionisti, che chiedono come si possa parlare di riscaldamento globale dopo una primavera fredda come quella appena finita. E chi è informato cosa dice? Da una parte c’è un coro quasi unanime di meteorologi, climatologi, geologi e fisici che parla di effetto serra. Dall’altra un agguerrito e rumoroso gruppo di mosche bianche che dice che non è vero niente, opponendo obiezioni almeno all’apparenza sensate. In mezzo ci stanno i tanti che vorrebbero essere informati ma che non comprendendo la querelle tra le categorie precedenti non riescono a fidarsi ne degli uni ne degli altri.

A questo proposito ho trovato molto interessante un articolo di David Morrison, uno scienziato della NASA, recentemente pubblicato sullo Skeptical Enquirer. L’ho tradotto … ed eccolo qui.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Il “bloop”: un misterioso suono dalle profondità oceaniche

27 aprile 2010

Il suono "bloop"Cosa può aver creato questo strano suono nell’Oceano Pacifico? Qui a fianco c’è la rappresentazione grafica di un potente ed insolito suono, battezzato amichevolmente “bloop“, che fu catturato da microfoni posti nelle profondità oceaniche nel 1997.

Nel grafico il tempo è posto sull’asse orizzontale mentre su quello verticale c’è la frequenza; la luminosità indica l’intensità del suono.

Anche se i bloop sono tra i suoni più forti in assoluto tra quelli mai registrati negli oceani, la loro origine rimane sconosciuta.

Godzilla

Godzilla

Il bloop, che si ripetè diverse volte e risultò provenire da qualche parte al largo delle coste sudoccidentali del Sud America (50°S 100°W), potè essere captato fino a 5000 km di distanza. Anche se può assomigliare ai vocalizzi di alcune creature viventi, nemmeno la balenottera azzurra è sufficientemente grande per cantare così forte.

Questi suoni potrebbero far pensare all’ipotesi intrigante che nelle inesplorate profondità oceaniche del nostro pianeta si aggirino creature ancora più grandi. Una possibilità meno immaginifica, comunque, è che siano stati prodotti da qualcosa tipo la rottura di un iceberg.

Dal 1997 non sono più sentiti dei bloop, anche se sono stati registrati altri suoni forti e inspiegabili.


Tratto da: APOD del 27/04/2010 (NASA, Astronomy Picture Of the Day)


Atlantide ai Caraibi? (Ovvero, Atlantide: fatela da voi)

20 dicembre 2009

Cosa si nasconde sotto le acque caraibiche?In questi giorni ha fatto il giro della rete una notizia clamorosa: nei Caraibi sarebbero state scoperte le rovine sommerse di una grande città, probabilmente antecedente le stesse piramidi d’Egitto. Addirittura un prestigioso giornale come il Corriere della Sera ha dedicato un dettagliato articolo a questa (presunta) scoperta.

La notizia è stata data in esclusiva dal giornale on-line Herald de Paris. Brevemente si dice che, dall’analisi di immagini satellitari un team di ricercatori avrebbe identificato sui fondali dei Caraibi i possibili resti di un’ipotetica antica civiltà. Dunque questa volta niente foto subacquee di strutture la cui origine umana possa venire messa in discussione dalla geologia, come mostrato qui, ma foto satellitari di strade e rovine.

Avrebbero addirittura visto una struttura simile a una piramide alta e sottile, una piattaforma sovrastata da piccoli edifici e una costruzione con pali paralleli e travi fra le macerie di un edificio in rovina. Ovviamente nulla del genere sarebbe possibile senza l’intervento umano. A corredo dell’articolo c’è una serie di foto satellitari che dovrebbero testimoniare la scoperta.

Che sia la volta buona che questa fantastica, misteriosa e antichissima civiltà, madre di tutte quelle  storiche, si lascia trovare?

Leggi il seguito di questo post »