L’aereo che aveva lasciato le scie chimiche “accese”…

21 maggio 2014
Tipico sciachimichista

Tipico sciachimichista

Un video sciachimichista postato su youtube mi ha dato la possibilità di una debunkatina facile facile così en-passant, tanto per tenersi in esercizio.

Nel video, un grosso aereo in fase di atterraggio (il carrello è fuori) sembra scaricare qualche aerosol da vicino alla punta delle ali. Non sembra affatto condensa.

Chi ha postato il video non ha dubbi e il titolo affibbiato al filmato è del tutto esplicito:  “Aereo dimentica di spegnere le scie chimiche in fase di atterraggio“.  Ecco il video:

L’autore chiosa il “proprio” lavoro (il virgolettato, come vedremo tra breve, è d’obbligo) con un laconico “Vuoi scoprire di più riguardo queste scie che solcano i cieli sopra la tua testa? E su tutte le altre bugie che ti hanno raccontato per renderti schiavo?” e poi un invito a collegarsi al suo sito per apprendere grandi verità dal suo “VIDEO LIBRO”.

Già su questo invito ci sarebbe da chiedersi: cosa cazzo è un “Video libro”? O è un video o è un libro. Un libro si legge, si studia, si capisce; un video si guarda e si ascolta. Niente di male in un video ma – nello specifico – forse il fatto che per leggere un libro serva almeno aver frequentato le elementari qualcosa c’entra. Vediamo perchè…

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Le scie “chimiche” che prima del 1995 non c’erano…

9 luglio 2011
Un bombardiere della II Guerra Mondiale lascia una scia di condensazione

Un bombardiere della II Guerra Mondiale lascia una scia di condensazione

I sostenitori delle scie chimiche dicono che queste sarebbero riconoscibili rispetto le normali scie di condensazione per la persistenza e per il fatto che tendono a spandersi fino a sbiancare grandi squarci di cielo. Un altro dei loro dogmi è che sarebbero un fenomeno recente, iniziato nel 1995, di cui non ci sarebbe traccia nel passato. Un’anziana signora, le registrazioni meteorologiche, i rapporti della RAF e dell’USAF e il seguente articolo di New Scientist contraddicono entrambe queste affermazioni…

Leggi il seguito di questo post »


Il servizio di Report sul C.I.C.A.P.

19 aprile 2010
Un aliante

Un aliante mentre diffonde una "scia chimica" (da una foto di Daniele Orlandi)

Sembra che Report, la famosa trasmissione giornalistica di RAI 3 condotta da Milena Gabanelli, uno dei pochi esempi di giornalismo investigativo in Italia, famosa per la sua indipendenza e per aver pestato i piedi a governi di ogni colore, abbia commesso un peccato mortale: ha trasmesso un servizio sul CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale).

Durante il servizio venivano toccati vari temi sui quali il CICAP opera attivamente: fenomeni paranormali, fachiri, illusioni ottiche e uditive, complotti vari, ma soprattutto … le scie chimiche. Cosa sono le scie chimiche? Per chi non lo sapesse, c’è gente che sostiene che alcune di quelle scie visibili nell’atmosfera terrestre (in genere attribuite agli aerei di linea) non siano – come asseriscono meteorologi, controllori di volo, piloti, esperti di aviazione, chimici, fisici e scienziati in genere – scie di condensa o scarichi d’altro genere, tipo l’acqua scaricata dall’aliante nella foto qui sopra o carburante, ma si tratti in realtà agenti biologici o chimici spruzzati a grandi altitudini per motivi sconosciuti all’opinione pubblica; insomma un grande complotto internazionale ordito da governi, militari e scienziati (con la connivenza di piloti, controllori di volo, meccanici, personale a terra, addetti alla sorveglianza, ecc.) coprirebbe queste emissioni. Potrebbe addirittura essere un aspetto del Grande Gombloddo Globale ©2010-2012 che coinvolge grigi, savi di Sion, rettiliani, illuminati, Area 51, UFO, esperimento Philadelphia, ecc.

Ebbene, i sostenitori di questa teoria non hanno affatto gradito il servizio della Gabanelli…

Leggi il seguito di questo post »