Le scie “chimiche” che prima del 1995 non c’erano…

9 luglio 2011
Un bombardiere della II Guerra Mondiale lascia una scia di condensazione

Un bombardiere della II Guerra Mondiale lascia una scia di condensazione

I sostenitori delle scie chimiche dicono che queste sarebbero riconoscibili rispetto le normali scie di condensazione per la persistenza e per il fatto che tendono a spandersi fino a sbiancare grandi squarci di cielo. Un altro dei loro dogmi è che sarebbero un fenomeno recente, iniziato nel 1995, di cui non ci sarebbe traccia nel passato. Un’anziana signora, le registrazioni meteorologiche, i rapporti della RAF e dell’USAF e il seguente articolo di New Scientist contraddicono entrambe queste affermazioni…

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Che impatto hanno 7 miliardi di persone sul pianeta?

18 marzo 2011
Globalizzazione, di Altan

Globalizzazione, di Altan

Sul National Geographic di questo mese c’è un interessante specchietto sull’impatto umano sul pianeta, una bella provocazione cui non potevo non abboccare.

Ogni giorno TV, giornali e Web ci propongono tragedie spaventose di fronte alle quali ci sentiamo impotenti: disastri naturali, guerre, terrorismo, fame, carestie spingono tanti disperati a fuggire verso paesi con condizioni di vita migliori. È evidente che tantissime persone vivano sotto la cosiddetta soglia di povertà e muoiano di fame o di malattie oggi curabili; ed è altrettanto concreta la possibilità che qualche evento nefasto possa precipitare anche noi occidentali privilegiati in quelle condizioni; e che questi privilegi siano messi in discussione.

D’altra parte è altrettanto vero che molte di quelle malattie cent’anni fa erano incurabili e se, come sembra, entro quest’anno la popolazione mondiale toccherà i 7 miliardi di individui, ciò significa che viviamo più a lungo, anche nei posti dove si muore di più, e che dunque le condizioni globali dell’umanità devono essere migliorate. I recenti avvenimenti nel Nord Africa sono stati possibili anche per il Web che ha permesso il coordinamento della ribellione e ha sbattuto in faccia a tutti la consapevolezza che molto di ciò che pensavamo di quella gente era sbagliato.

GlobalizzazioneCon la globalizzazione paesi come l’India e la Cina, che da soli hanno un terzo della popolazione mondiale, pretendono per la propria gente un tenore di vita più alto e stanno erodendo fortemente il dominio economico dell’occidente ricco e opulento oggi in crisi.

Insomma, siamo ormai 7 miliardi ma abbiamo ancora un futuro?

L’impatto che tutto ciò ha sul pianeta è sotto gli occhi di tutti. Non passa giorno che qualcuno non ci dica che le risorse stanno per finire, che il petrolio è agli sgoccioli e servono altre fonti di energia, che il clima sta cambiando a causa dell’uomo, che il riscaldamento globale porterà migrazioni di massa senza precedenti e cambierà l’assetto socio economico mondiale.

Perché aumenta il nostro impatto sul pianeta? È colpa della sola crescita demografica, che in 111 anni ha portato la popolazione mondiale dagli 1,8 miliardi del 1900 ai 7 miliardi di quest’anno? Del benessere, che implica maggiori consumi di energia e altre risorse? Oppure della tecnologia, che offre sempre nuovi strumenti di sfruttamento delle risorse?

Leggi il seguito di questo post »


Antichi astronomi, parte 1

23 gennaio 2011

GnomoneMi capita spesso di leggere nei siti frequentati da amanti della cosiddetta “archeologia misteriosa” (nota anche come pseudo-archeologia) che gli antichi popoli non avrebbero potuto sapere certe cose  senza “aiuti” da parte di presunte società più progredite o ignorando certe informazioni.

Per esempio si chiedono come avrebbero potuto i Maya conoscere la precessione degli equinozi o prevedere le eclissi di Sole o di Luna senza sapere che è la Terra che gira intorno al Sole o credendo che la Terra fosse piatta; e quelle incredibili previsioni sul moto di Venere? Come avrebbero potuto farle senza l’ausilio di un telescopio?

Mi è venuta così l’idea di scrivere qualche articolo che mostri come con anche con mezzi rudimentali sia possibile arrivare a conoscenze notevoli. Eviterò volutamente di far riferimento alla sfericità della Terra, fin quando non sarà necessario e – soprattutto – alla teoria eliocentrica. In questo articolo non prenderò in considerazione nemmeno il cielo notturno.

Cominciamo con un osservatorio solare che ci permetta di stabilire i punti cardinali e l’inizio delle stagioni. Useremo la tecnica dei cerchi indù. Leggi il seguito di questo post »


Gli enormi blocchi di pietra impossibili da spostare

19 luglio 2010

Luna crescente su StonehengeUna delle obiezioni che i fanta-archeologi (o sedicenti ricercatori del mistero) muovono più spesso all’archeologia da loro definita ufficiale a proposito dei grandi monumenti in pietra del passato (complessi megalitici, Stonehenge, Isola di Pasqua, Giza, ecc.) è la presunta impossibilità tecnologica di alzare/spostare pietre così grandi e pesanti.

Dal momento che non ci sono arrivate descrizioni delle tecniche usate per spostare questi pesantissimi blocchi di pietra, quello che si può fare è immaginarsi come li potessero sollevare, girare, trascinare e posizionare ragionando in termini di semplicità, praticità e tenendo conto dei materiali disponibili a quell’epoca (nel caso di Stonehenge, per esempio c’erano essenzialmente legno, funi e altre pietre). È di questo che si occupa l’archeologia sperimentale.

A volte in aiuto degli archeologi corrono dei semplici appassionati che hanno delle intuizioni geniali. È questo il caso di Wally Wallington, un carpentiere in pensione, che – come dice lui stesso – negli anni di attività si è spesso trovato a dover improvvisare soluzioni per portare a termine un lavoro…

Leggi il seguito di questo post »


I Maya, il 2012 e il codice di Dresda

18 novembre 2009
Ultima pagina del Codice di Dresda

L’ultima pagina del Codice di Dresda descrive un diluvio

Sul web si parlava tanto della “fine del mondo” nel 2012 già nel 2007. Ora (2009) che è uscito l’omonimo kolossal cinematografico dagli effetti speciali straordinari (e dalla trama assolutamente inesistente) sull’apocalisse Maya, di questo fenomeno si è accorta anche la TV.

Al di la delle insulse stupidaggini che si dicono sul piano scientifico (allineamenti planetari o galattici, esplosioni solari, inversione dei poli magnetici, inversione dei poli geografici, arresto del moto di rotazione, fusione totale dei ghiacci in un lampo, nibiru e chi più ne ha più ne metta) resta come base della discussione la (presunta) profezia dei Maya sulla fine del mondo. Ogni sito catastrofista fornisce la propria interpretazione, citando altri siti catastrofisti o newage o maestri della fuffa come Gregg Braden, che parlò del presunto allineamento col centro della galassia, già discusso in questo blog.

Ma cosa hanno lasciato scritto di preciso i Maya su questo argomento?

Della loro cultura ci è giunto pochissimo perché il solerte vescovo Diego De Landa fece bruciare tutti i documenti e gli scritti di questa civiltà. L’intento era di fare tabula rasa dei loro usi, storia, cultura e religione per poter evangelizzare lo Yucatan. Si sono salvate delle iscrizioni nei monumenti, delle stele e pochissimi scritti, detti codici, che portano il nome delle città o dei posti in cui sono conservati: Parigi, Madrid, Grolier, Praga e il più completo, quello di Dresda. Cito da Wikipedia:

Il codice contiene solo 74 pagine; tratta esclusivamente temi di ordine religioso e rituale, come il moto orbitale di Venere, il calcolo delle sue fasi, le previsioni delle eclissi solari e lunari, le cerimonie per il nuovo anno. […] Altri capitoli sono dedicati a Chaak, il dio della pioggia […]

Quella riportata poco sopra è l’ultima pagina del codice di Dresda e parla di un diluvio…

Leggi il seguito di questo post »


Petizione per Agora, il film su Ipazia di Alessandria

18 ottobre 2009
Rachel Weisz nel ruolo di Ipazia

Rachel Weisz nel ruolo di Ipazia

Il regista ispano-cileno Alejandro Amenabar (che ha diretto film come “Apri gli occhi”, “Mare Dentro” e “The Others”) ha terminato da tempo di girare un film intitolato “Agorà” sulla vita di Ipazia, filosofa, matematica e astronoma, ultima erede della scuola platonica riportata in vita da Plotino presso Alessandria d’Egitto, città dove è vissuta nel IV secolo dC e dov’è stata barbaramente uccisa a causa del fondamentalismo religioso del suo tempo.

Il film, presentato fuori concorso a maggio al festival di Cannes, è in uscita in questi giorni nelle sale spagnole. Si tratta in effetti un atto di accusa contro tutti i fondamentalismi e in questo senso sta facendo discutere (si veda ad esempio “La Weisz fa paura al Vaticano” su La Stampa, o “Il film che l’Italia non vedrà“, sempre su La Stampa).

È un film che nel nostro paese non mancherà di sollevare polemiche, dato anche il clima infuocato della nostra politica: i fondamentalisti che massacrarono e uccisero Ipazia (i parabolani) erano cristiani ed agirono col silenzio-assenso, se non addirittura sotto il mandato, del vescovo Cirillo diventato in seguito San Cirillo di Alessandria, considerato dal cattolicesimo dottore della Chiesa.

In Italia – visto chi sono i cattivi nel film – sembra ci siano ci sono state forti resistenze e difficoltà a trovare un distributore. È l’ostracismo che subiscono da noi i film che in qualche modo mettono in discussione la religione cattolica, sia pure nelle sue frange più fondamentaliste. La stessa sorte è capitata, per esempio, a “Religiolus – Vedere per credere“.

Fortunatamente ora la situazione sembra essere sbloccata e il film dovrebbe debuttare nelle sale italiane venerdì 23 aprile 2010.
Leggi il seguito di questo post »