Un verme spaziale ci inghiottirà!!!

5 gennaio 2011

Aiuto! Aiuto! Dopo le astronavi giganti in rotta di avvicinamento verso il nostro pianeta, ecco un gigantesco verme spaziale!

L’astrofisica della NASA Irina Cocimelova ha annunciato al mondo una scoperta sensazionale: un enorme verme spaziale ai confini del sistema solare interno ed è in rotta per la Terra. Gli alieni esistono e vogliono mangiarci.

Verme spaziale nella costellazione dell'Ara

Pensate che sia un fake? Nemmeno per idea! Si trova alle coordinate:

  • 17h 11m 45.36s (A.R.)
  • -63° 50′ 34.7″ (dec.)

ed è visibile nell’atlante astronomico fotografico DSS2.

Non ci credete? Cliccate direttamente qui.

Oppure, se volete trovarlo a mano:

  1. collegatevi al sito: http://www.sky-map.org/;
  2. cliccate sull’icona a forma di topolino (BETA – Sky Browser ver. 2)
  3. dove c’è scritto “Find object” ricopiate le coordinate: 17 11 45.36 -63 50 34.7
  4. cliccate sulla lente d’ingrandimento;

ed ecco il mostro! È decisamente un grandissimo space worm. Speriamo che non faccia il buco (wormhole) se no siamo davvero finiti.

Ah, dimenticavo… Ovviamente arriverà sulla Terra nel dicembre 2012 insieme ai Maya, a Nibiru, alla Colomba Spaziale, alla tempesta solare e alla casalinga di Voghera… Si sposeranno in occasione dell’allineamento galattico e genereranno l’anticristo.

E se fosse una delle appendici perdute del Flying Spaghetti Monster?

Per capire di cosa si tratta, leggetevi l’articolo sulle astronavi giganti in rotta di avvicinamento verso il nostro pianeta.

Annunci

Come costruire una macchina del tempo

3 maggio 2010

Quello di viaggiare nel tempo è uno dei sogni più arditi dell’uomo. Chi non ha mai pensato che cosa farebbe se potesse tornare indietro nel tempo? Sul Daily Mail il grande cosmologo Stephen Hawking ha scritto uno splendido articolo per far capire a noi comuni mortali cosa sono le macchine del tempo secondo i fisici e la scienza. L’articolo originale è qui. Di seguito c’è la mia traduzione.

Come costruire una macchina del tempo

di Stephen Hawking

Stephen Hawking

«Tutto quello che serve sono un wormhole, il Large Hadron Collider o un razzo che vada veramente tanto, tanto veloce...»

Salve. Mi chiamo Stephen Hawking, fisico, cosmologo e un po’ sognatore. Anche se non posso muovermi e sono costretto a parlare attraverso un computer, nella mia mente sono libero. Libero di esplorare l’universo e pormi grandi domande tipo: è possibile viaggiare nel tempo? Possiamo aprire un portale per il passato o una scorciatoia per il futuro? Possiamo, in definitiva, usare le leggi della natura per diventare padroni del tempo stesso?

Il viaggio nel tempo una volta era considerato un’eresia scientifica. Evitavo di parlarne per paura di venire etichettato come uno stravagante. Oggi non sono più così cauto. In effetti mi sento come la gente che costruì Stonehenge. Sono ossessionato dal tempo. Se avessi una macchina del tempo farei visita a Marilyn Monroe al massimo del suo splendore o farei un salto da Galileo quando puntò il suo telescopio verso il firmamento. Forse farei addirittura un viaggio alla fine dell’universo per scoprire come finisce l’intera storia cosmica.

Per capire come questo potrebbe essere possibile, dobbiamo guardare il tempo come fanno i fisici: come una quarta dimensione. Non è difficile come sembra…

Leggi il seguito di questo post »